"I cinghiali in Italia hanno causato danni per circa 100 milioni di euro": sono cifre impressionanti quelle divulgate dalla Coldiretti che denuncia come, in Italia, quello dei cinghiali selvatici in costante aumento sia un fenomeno diventato sempre più ingestibile. Nell’ultimo decennio il numero dei cinghiali selvatici è passato da circa 600 mila nel 2005 ad oltre un milione di esemplari nel 2015, un incremento incontrollato che rischia di degenerare e che ogni anno provoca danni enormi alle aziende agricole, ma mette in pericolo anche l’incolumità delle persone. Dagli ultimi dati Istat, infatti, si evince che in Italia, nei primi nove mesi del 2015, sono decedute 18 persone per incidenti stradali causati da animali selvatici; in totale si sono registrati 149 incidenti stradali degni di nota, 109 automobilisti ne sono usciti con ferite significative e, come già evidenziato, 18 sono  deceduti in seguito agli incidenti che, generalmente, avvengono in arterie stradali ordinarie.

Secondo Coldiretti gli incidenti causati da animali selvatici incontrollati sono molti di più rispetto ai numeri emersi, ma molti tendono a non denunciare e, molto spesso, incidenti di questo tipo non vengono analizzati in maniera specifica da parte dell’Istat.

Un fenomeno fuori controllo

Quello dei cinghiali è un problema che, sempre secondo la Coldiretti, va trattato con molta attenzione perché il fenomeno ormai sembra essere fuori controllo che provoca ingenti danni al comparto agricolo. Oltre agli incidenti stradali causati, i cinghiali distruggono i raccolti e uccidono gli animali di allevamento provocando danni stimati intorno a 100 milioni di euro.

Gli allevatori e gli imprenditori agricoli non sono più disposti a tollerare questa situazione che, ne suo complesso, rappresenta un vero problema per l’economia delle aziende, quindi diventa fondamentale porre rimedio ad una situazione oramai fuori controllo.

I migliori video del giorno

Per tale motivo la Coldiretti chiede al Governo nazionale una riforma che garantisca l’indispensabile presenza delle aziende a tutela del territorio.