Annuncio
Annuncio

Catania - Poteva finire con dei danni gravi alle persone, ma fortunatamente nessuno è rimasto ferito. Stamattina, giovedì 17 dicembre 2015, un aereo della compagnia Meridiana è decollato dall’aeroporto Fontanarossa di Catania alle 9:30, destinazione Milano Linate. Sull’aereo viaggiavano 90 passeggeri e 5 membri dell’equipaggio. Subito dopo il decollo dal carrello si è staccata la ruota posteriore sinistra andando a finire sulla spiaggia del litorale. L’aereo ha subito fatto rientro all’aeroporto di Catania effettuando un atterraggio che, fortunatamente, è avvenuto senza complicazioni.

Arrivati a Fontanarossa i passeggeri hanno così potuto tirare un sospiro di sollievo per una vicenda che, certamente, avrebbe potuto avere conseguenze più gravi.  La vicenda ha costretto gli addetti ai lavori a dichiare l’aeroporto di Catania non operativo dalle 9:40 alle 10:12, nell’arco di questi minuti 2 voli che dovevano arrivare a Fontanarossa sono stati dirottati presso  lo scalo di Palermo per poi raggiungere la destinazione stabilita qualche ora più tardi.

Advertisement

La Notizia è stata resa ufficiale  direttamente dall’Ufficio stampa della SAC (Società aeroporto di Catania) che, attraverso una nota ufficiale, ha tenuto a spiegare i dettagli della vicenda che ha provocato alcuni inconvenienti compromettendo, per qualche ora, il regolare flusso aereo nello scalo siciliano.

La Sac pronta al debutto a Piazza Affari

La Sac in questi mesi ha reso noto il prossimo, importantissimo passo della società che, a breve, farà il proprio debutto a Piazza Affari. Si tratta di una decisione che comporterà notevoli investimenti che serviranno a potenziare ulteriormente la struttura, con grande attenzione alla rete viaria che collega l’aeroporto ai più importanti centri di interesse, un servizio che, allo stato attuale, risulta essere molto carente.

Advertisement
I migliori video del giorno

L'ingresso della Società Aeroporto Catania in borsa è stata resa nota in occasione di un convegno organizzato dalla stessa società il sei novembre scorso a Catania in un incontro servito a delineare il nuovo percorso previsto per l'infrastruttura siciliana.