Continuano a registrarsi vittime sulla strada statale 106 in Calabria. Sulla nota statale, conosciuta ormai come 'la strada della morte', è stato registrato l'ennesimo incidente. Il tutto è accaduto nella giornata del 26 gennaio ma ancora emergono dei dettagli sulla dinamica dell'impatto. Il sinistro ha provocato ben quattro feriti. Tra essi anche una donna in attesa di un bambino. Vediamo tutte le informazioni che sono emerse.

Il brutale impatto

L'incidente è avvenuto sulla strada statale 106, nel tratto che collega Badolato a Santa Caterina sullo Ionio, nella provincia di Catanzaro. L'impatto ha visto coinvolte due vetture, una Nissan Micra ed una Mini Countryman. Lo scontro è stato molto violento e le vetture sono finite entrambe rovinosamente fuori strada, una delle due si è addirittura ribaltata su di un lato.

I feriti ufficialmente registrati sono stati quattro e tra essi è presente anche una donna incinta. Quest'ultima è stata trasferita d'urgenza all'ospedale civile di Catanzaro. Sul posto sono stati necessari diversi interventi tra cui i sanitari del 118 per prestare i primi soccorsi alle persone coinvolte nell'impatto. Immediatamente sono stati chiamati anche i carabinieri per gestire il traffico e per portare a termine i primi accertamenti necessari a ricostruire la dinamica dei fatti. Gli agenti delle forze dell'ordine della compagnia di Soverato hanno eseguito le operazioni sotto la guida del comandante Saverio Sica. Ulteriori dettagli emergeranno nelle prossime ore con una dinamica dell'incidente più puntuale e precisa.

Grande l'amarezza anche dell'associazione 'Basta vittime sulla strada statale 106'.

I migliori video del giorno

Da lunghi tempi essa cerca di evitare che ci siano ulteriori vittime sulla strada chiedendo incessantemente dei rilievi e delle operazioni di ripristino. La situazione su questa statale sta diventando davvero insostenibile e le vittime crescono giorno dopo giorno. Dall'inizio dell'anno 2016 sono stati tantissimi gli incidenti che sono stati registrati e diversi sono stati i feriti e anche i morti.