Pubblicità
Pubblicità

Trovare un pianeta abitabile per la razza umana, o magari che lo sia già stato in passato, è l'ambizione degli scienziati della NASA. Da quando il telescopio spaziale Kepler è stato lanciato in orbita nel 2009, ha contribuito ad identificare circa 1000 esopianeti, con la speranza di riuscire a trovarne qualcuno abitabile per l'uomo o già abitato da un'altra civiltà extraterrestre. Martedì 10 maggio 2016 si terrà una conferenza in diretta streaming, visibile sul sito ufficiale dell'agenzia spaziale statunitense per annunciare l'ultima scoperta di Kepler.

Pubblicità

La notizia è accompagnata da un velo di mistero dato che non sono stati riportati maggiori dettagli. Cosa potrebbe aver scoperto questa volta Kepler di così importante? Il telescopio è stato certamente ideato per una varietà di scopi e ricerche, ma sicuramente il suo obiettivo principale è quello di identificare pianeti simili al nostro. Considerando che la NASA non tiene conferenze per ogni scoperta scientifica, a meno che non si tratti di qualcosa di rilevante, è facile dedurre che sarà un annuncio di un certo peso.

Le ipotesi sulla scoperta

Il nostro "cugino" più grande, Kepler 452b, fino ad ora sembra essere l'unico candidato per diventare la nuova Terra, anche se, essendoci ancora molte incognite su questo pianeta, si potrebbe ipotizzare che la NASA presenterà degli aggiornamenti a riguardo, o probabilmente potrebbe annunciare la scoperta di un nuovo esopianeta. Un'altra possibilità potrebbe essere la scoperta di un pianeta non abitabile, ma che potrebbe diventarlo o che forse, lo è stato in passato. Il nostro vicino Marte, ad esempio, vantava molto tempo fa oceani in superficie, tanto che alcuni scienziati credono che sul Pianeta Rosso sia possibile trovare ancora alcune forme di vita.

Pubblicità
I migliori video del giorno

L'opzione della conferma di forme di vita nello spazio, rientra tra le possibilità, anche se resta comunque la meno probabile.

Non resta  che aspettare e ascoltare la conferenza sul sito ufficiale dell'agenzia spaziale per sapere se qualcuna di queste ipotesi risulterà essere corretta.