Recentemente la tv pubblica tedesca "WDR" ha diffuso un video inedito sulle molestie sessuali avvenute a Colonia la notte tra il 31 gennaio 2015 e il primo gennaio 2016. Secondo quanto riportano i media e la stampa, nel video in questione si vedono scene alquanto forti, tra cui sono da segnalare una in cui si vede una donna dice "Non mi toccare" rivolta presumibilmente ad un molestatore e un'altra in cui un'altra donna urla "Oh mio Dio!".

Il video, secondo quanto riportato dal sito web "Giornalettismo", è "la prova documentale finora più significativa disponibile sulle aggressioni sessuali di Capodanno che hanno sconvolto l'opinione pubblica europea e mondiale".

Pubblicità
Pubblicità

I fatti di Colonia, tra minimizzazioni e strumentalizzazioni

I tragici fatti di Colonia sono stati abilmente sfruttati e strumentalizzati dalla politica, sia essa di destra che di sinistra. Diversi partiti politici di orientamento xenofobo e/o islamofobo li hanno usati per attaccare i migranti e l'Islam in sé, mentre da una buona parte della sinistra cosiddetta "progressista" si sono avute minimizzazioni e censura, questo soprattutto per via di una lettura politica basata incentrata "dogmaticamente" sull'ideologia "terzomondista" e/o "mondialista", la quale considera gli europei come la sola e unica causa di tutti i mali del mondo e praticamente tende ad idealizzare il migrante in sé in quanto visto come sempre "vittima", visione ideologica che alla fine fa il paio con la propaganda xenofoba che invece colpevolizza e demonizza il migrante in sé.

Pubblicità

La protesta dei poliziotti per le poche forze dell'ordine presenti

Nel filmato, secondo quanto riportato dal già citato articolo di "Giornalettismo", vengono sottoilineati i problemi che le forze dell'ordine si sono trovate ad affrontare.

Nel video si possono sentire anche alcuni poliziotti lamentarsi dei pochi colleghi presenti sul posto e quindi praticamente impossibilitati a procedere in modo del tutto efficace per mettere fine alla tragica situazione che ha sconvolto Colonia.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto