Annuncio
Annuncio

Il mistero che ruota attorno alla tragica fine del volo EgyptAir MS804 nel Mar Mediterraneo sembra essere sempre più complesso, con due piloti della Turkish Airlines che affermano che un oggetto volante non identificato (UFO) con luci verdi sarebbe passato sopra il loro aereo poco prima l'abbattimento del velivolo egiziano. Citando The Sun, 'news.com.au' riferisce che i piloti, che volavano da Bodrum a Istanbul, come riferito poc'anzi avrebbero visto l'oggetto non identificato giovedì scorso vicino Silivri nel distretto di Istanbul, quando l'aereo si trovava a 17.000 piedi. Secondo Hurriyet Daily News, al controllo del traffico aereo a Istanbul è stato detto dai piloti della Turkish Airlines che un oggetto non identificato con luci verdi era passato a circa 3.000 piedi sopra di loro.

Si cerca la scatola nera del velivolo per capire cosa è successo

I piloti inoltre hanno detto che l'oggetto, che presentava tutte le caratteristiche di un UFO poi sarebbe scomparso all'improvviso. Nel frattempo, il presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi ha detto che un sottomarino è stato inviato nelle profondità del Mar Mediterraneo per cercare le scatole nere del velivolo egiziano che è scomparso mentre si trovava in rotta da Parigi al Cairo. Mentre i ricercatori hanno recuperato parti del relitto dell'aereo, tra cui gli effetti personali dei passeggeri, giubbotti di salvataggio, sedie dell'aereo e anche parti dei corpi, si cercano ancora nel Mediterraneo i dati di volo e i registratori vocali della cabina di guida che probabilmente riveleranno ciò che è andato storto sul volo.

Tra le vittime anche 15 francesi

Finora nessun sopravvissuto dello schianto è stato ritrovato e le autorità stanno ancora esaminando le cause che hanno prodotto giovedì scorso il disastro dell'aereo che aveva a bordo 66 persone. Fathi ha detto che 30 passeggeri erano egiziani, 15 francesi, tra cui un bambino, e dei passeggeri provenivano dall'Iraq.

Infine erano presenti anche cittadini di Gran Bretagna, Belgio, Kuwait, Arabia Saudita, Sudan, Ciad, Portogallo, Canada e Algeria.