Ieri presso l’American University of Afghanistan a Kabul, la capitale dello Stato, due uomini armati hanno aperto il fuoco e ucciso tredici persone tra studenti, poliziotti e guardie giurate.

La dinamica degli eventi

Mercoledì 24 agosto nel tardo pomeriggio un’auto bomba all’entrata dell’università ha dato il via a uno scontro a fuoco che è durato circa nove ore e ha visto come mandanti due uomini armati.

Nello scontro sono rimaste coinvolte mortalmente tredici persone: sette studenti, tre poliziotti e tre guardie giurate col compito di sorvegliare l’edificio. Altri trentacinque studenti e nove poliziotti sono rimasti feriti invece i restanti presenti durante il conflitto, circa 750 persone, sono stati messi al sicuro e poi liberati grazie all’intervento della polizia afghana. Il capo della polizia di Kabul Abdul Rahman Rahimi ha dichiarato che armati di granate e armi automatiche, prima di venire uccise dalla polizia intorno alle 3.30 del mattino, i due uomini hanno tenuto sotto assedio per nove ore l’intero edificio.

Le testimonianze

"Abbiamo provato a mettere i banchi contro la porta, ma sono entrati", affermano sconvolti gli studenti scappati dall’attacco e ricoverati nel centro Emergency più vicino all’università. "Sparavano, sono saltato dalla finestra" racconta un altro. “Molti dei morti sono stati uccisi dagli spari di pistole arrivati vicino alle finestre delle classi” ha dichiarato infinie il Ministro degli interni Sediq Sediqqi. Tra gli studenti c’era anche il premio Pulitzer dell’Associated Press Massoud Hossaini che è riuscito a scappare e a mettersi al riparo.

L'American University of Afghanistan

Progetto no-profit dell’allora first lady Laura Bush, è stata inaugurata nel 2006 grazie all’aiuto dei fondi provenienti dall’Agenzia Americana per lo Sviluppo Internazionale. Frequentata da 1700 studenti tra i quali anche adulti con programmi di lavoro part-time.

Ancora nessun gruppo terroristico ha rivendicato la natura dell’attacco. Ma prima di rilasciare dichiarazioni ufficiali la sicurezza afghana ha deciso di aprire delle indagini ed investigare per trovare i reali colpevoli.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto