Nella giornata di ieri 20 settembre un neonato di soli 11 mesi ha rischiato di morire soffocato per l'ingestione di una parte di un giocattolo in Calabria. Il piccolo è stato prima trasportato all'ospedale di Catanzaro, poi d'urgenza all'ospedale Bambin Gesù di Roma.

La tragedia

Un neonato di soli 11 mesi nella giornata di ieri 20 settembre ha rischiato di morire per aver ingerito un pezzo di un giocattolo. Il piccolo è stato trasportato dai genitori all'ospedale Pugliese Ciaccio di Catanzaro, dove è stato ricoverato in condizioni molto gravi, nel reparto di pediatria. Il neonato è stato visitato da diversi medici, intervenuti anche dall'ospedale Annunziata di Cosenza.

Viste le sue condizioni di salute gravissime, stava rischiando infatti il soffocamento, i medici hanno deciso il trasporto d'urgenza tramite un elicottero all'ospedale Bambin Gesù di Roma. Il piccolo necessitava di un intervento particolare, di una fibrobroncoscopia, per essere salvato. Questo tipo di intervento negli ospedali calabresi per mancanza di strumentazione non è possibile effettuarlo, per questo motivo interventi del genere devono essere svolti in ospedali più attrezzati.

Il piccolo appena arrivato all'ospedale Bambin Gesù di Roma è stato immediatamente operato, i medici sono riusciti ad estrarre il pezzo di giocattolo ingerito, e sono riusciti a salvagli la vita: infatti nella serata di ieri, per fortuna, era già fuori pericolo.

Non essendoci ospedali attrezzati per operazioni del genere in Calabria, un viaggio lungo come quello che ha compiuto il piccolo può essere davvero molto pericoloso.

I migliori video del giorno

Infatti, la parte ingerita a causa di movimenti bruschi durante il viaggio, potrebbe bloccare completamente la vie respiratorie, facendo morire soffocato il paziente. Le strutture sanitarie calabresi dovrebbero quindi attrezzarsi di strumenti adatti per operazioni del genere, perché anche se casi del genere sono rari, potrebbero costare la vita ad un paziente.

Qualche anno fa è avvenuto un caso molto simile a questo. Una bimba aveva ingerito un fagiolo che gli aveva bloccato le vie respiratorie, ed è stata operata tramite broncoscopia, purtroppo la piccola durante l'intervento è deceduta.