Vicenda bizzarra quella del medico che lavorava presso l’ospedale Borea di Sanremo oltre che referente per conto dell’ASL “Zacchè” di Bordighera.

Il dottor Paolo Oggero, medico radiologo, è finito al centro di un’inchiesta dopo che l’azienda sanitaria è venuta a conoscenza dell’intervento prestato dal radiologo al #gatto di un’amica.

Prelievi ed esami del sangue, esami delle feci e un esame radiologico sarebbero le prestazioni incriminate al medico che ha ammesso di aver effettuato solo una radiografia in emergenza, poiché il gatto era risultato vittima di una caduta e il reparto, in quel momento, era vuoto.

Provvedimento disciplinare in attesa dei chiarimenti

L’Asl, in attesa di fare luce sui fatti occorsi, ha per il momento sospeso il medico per 30 giorni, informando che è stata aperta un’inchiesta interna per chiarire non solo la posizione del medico ma soprattutto per verificare le informazioni in possesso riguardo al caso.

L’episodio del gatto visitato d’urgenza nel laboratorio dell’ospedale va ad aggiungersi all’inchiesta della Finanza sulla Asl 1 di Imperia, che vede coinvolti nove indagati per abuso d’ufficio, peculato, falso ideologico e truffa ai danni dello Stato.

Una maxi inchiesta che include cure al gatto

La maxi inchiesta, che riguarda alcuni dipendenti pubblici delle strutture sanitarie facenti capo a Sanremo, è scaturita dai risultati di indagini che hanno rivelato l’esistenza di un Cup parallelo, dove i dipendenti favorivano le prenotazioni di amici, parenti e, in quest’ultimo bizzarro caso, di gatti di amici.

Il comportamento degli operatori, oltre ad allungare notevolmente le normali liste di attesa dei cittadini, pare andasse avanti da almeno 2 anni.

Quanto all’episodio del gatto, risultato di proprietà di una nota imprenditrice della zona, gli inquirenti fanno sapere che in realtà in sala d’attesa pare fossero presenti diverse persone che si sono viste letteralmente scavalcare dal micio in emergenza.

I migliori video del giorno

E qualcuno ha detto basta, informando direttamente i vertici dell'azienda sanitaria.