Continua a tremare senza sosta il centro italia: una nuova forte scossa di Terremoto ha svegliato gli abitanti di Macerata nel cuore della notte. All'1:35 l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato l'evento sismico nei pressi di Macerata, nelle Marche. Secondo le segnalazioni, il terremoto è stato avvertito anche a Roma e nelle città vicine. La magnitudo del sisma è di 4.8 della scala Richter.

Terremoto a Macerata nella notte del 3 novembre: l'epicentro della nuova scossa

Il terremoto nel centro Italia non lascia tregua, una nuova scossa sismica ha svegliato nella notte le popolazioni residenti nella provincia di Macerata.

La scossa di magnitudo 4,8 ha generato tanta paura in molte regioni. I dati dell'INGV localizzano l'epicentro nei pressi delle città di Pieve Torina e Piè di Monte,zone già pesantemente colpite dallo sciame sismico di questi ultimi giorni.

Secondo le fonti di RaiNews24 al momento non sono stati segnalati ingenti danni. Al comando dei vigili del fuoco sarebbe infatti giunta una sola chiamata da una signora che ha segnalato qualche crollo, ma per l'effettiva conta dei danni bisognerà attendere la luce del giorno, quando sarà più semplice per i responsabili individuare i nuovi crolli e verificare lo stato degli edifici già danneggiate delle precedenti oscillazioni.

I 'numeri' del pauroso terremoto del centro Italia: ecco il primo bilancio

Sono oltre 24.600 le scosse di terremoto del centro Italia dalla prima scossa del 24 agosto che ha colpito amatrice ed Accumuli.

Le continue vibrazioni hanno stravolto e deformato ben 600 chilometri quadrati di territorio, provocando uno dislivello della crosta terrestre spezzatasi a Castelluccio di Norcia e sprofondata di 70 cm.

Incessabile il lavoro dei Vigili del Fuoco che dal 26 al 30 ottobre sono stati impegnati in 48.718 interventi,e hanno stimato oltre 200mila case lesionate con 26mila abitanti sfollati (in quattro regioni), 8mila dei quali sono ospitati in alberghi, mentre circa un migliaio sono gli ospiti accolti nelle tensostrutture.

Segui la pagina Terremoto
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!