EA (Electronic Arts), nota compagnia di produzione di videogiochi, è stata ufficialmente accusata dal Parlamento russo, tramite una lettera inviata all’Agenzia delle Comunicazioni, di aver violato le leggi riguardo la propaganda omosessuale, atte a proteggere i più giovani, poiché potrebbe danneggiare il loro sviluppo.

L’accusa

Il videogioco reo di aver violato una legge del 2013, secondo il parlamentare Valery Rashkin, è il celeberrimo FIFA 17, il quale permette di simulare in prima persona partite di calcio virtuali e giocare, grazie alle funzioni multigiocatore, con altri ragazzi in tutto il mondo. Come potrebbe un videogioco sul calcio fare propaganda omosessuale? La violazione sarebbe nata dal momento in cui EA ha deciso di supportare la ‘Rainbow Laces’, cioè la campagna contro l’omofobia, inserendo tra le numerose divise utilizzabili per personalizzare la propria squadra, un kit a tema ‘arcobaleno’.

Questo, a quanto pare, è bastato per scatenare alcuni membri della politica russa contro Electronic Arts.

La ‘normalità’ relativa

Come riporta il giornale britannico ‘The Guardian’, questa legge, presa in mano da Rashkin, proibisce esplicitamente qualunque tipo di propaganda, appunto, che inciti o suggerisca al popolo di avere relazioni coniugali ‘non tradizionali’: in parole povere il governo russo giudica come ‘giusto’ solo il rapporto uomo/donna, condannando una qualsiasi variante di questa espressione impedendo, come in questo caso, il ‘contagio’ e il possibile ‘danneggiamento’ che la diffusione di materiale come il kit arcobaleno di Fifa 17 potrebbe causare alle giovani menti dei clienti videogiocatori, impedendogli quindi di conoscere una sfaccettatura dell’amore umano divenuta ormai accettata e ‘normale’ nella maggior parte dei paesi civilizzati.

I migliori video del giorno

Nonostante tutto ciò ci appaia assurdo e ormai superato, la faccenda è piuttosto seria: se EA non modifica questo aspetto del suo ultimo videogioco di simulazione del mondo del calcio, rischia il ritiro dal commercio dell’intera russia. Si aspettano risposte da parte della compagnia americana.