L'isola d'Ischia, inizia a tremare a causa di una scossa di magnitudo 4.0 già da ieri sera, poco prima delle nove, precisamente alle 20.57.

Ischia: quali i maggiori danni riportati?

Il luogo colpito da maggiori danni e quello di Casamicciola, ma non più fortunati i ben conosciuti comuni di Lacco Ameno, Foria, Barono d'Ischia. Il tremito si è così, esteso anche nei punti e luoghi limitrofi come Napoli.

Pubblicità
Pubblicità

Già registrati e confermati due morti e trentanove feriti non gravi. Due donne, purtroppo non sono sopravvissute all'accaduto: una di loro è stata travolta dalle rovine di una Chiesa, l'altra invece, recuperata morta sotto i frantumi abbattutasi. Da poche ore salvati, anche due bambini. Una serata da dimenticare per abitanti e turisti del posto: subito dopo aver percepito il rumore di uno scoppio o schianto segue un oscuramento totale, la terra trema, seguono i crolli, le urla, la paura diventa per i presenti consapevolezza.

Pubblicità

A breve, si annuncia la nomina di un commissario straordinario, capace di seguire con la dovuta dedizione i luoghi maggiormente danneggiati dal Terremoto.

Casamicciola trema ancora una volta

Numerosi i turisti intenti ad abbondonare l'isola, ad allontanarsi con i primi mezzi in partenza, pervenuti anche traghetti eccezionali e fuori dall'ordinanza. Ben duemila gli evacuati per la conosciuta Casamicciola.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Terremoto

Al momento, si sono allontanati dall'isola d'Ischia più di mille persone; adibiti anche centri di primo soccorso per Casamicciola e per i comuni maggiormente colpiti dal terremoto. Tempo fa, Casamicciola fu colpita da molteplici terremoti, precisamente sei. Le scosse, le vittime i danni verificatosi furono maggiori sia nel marzo del 1881, dove il terremoto registrò più di cento morti. A seguire un ulteriore scossa di terremoto venne avvertita nel luglio del 1883.

La terra ancora una volta iniziò a tremare distruggendo ogni cosa e registrando più di duemila morti e più di settecento feriti. Casamicciola, praticamente si presentava ad abitanti, visitatori, vacanzieri e a chiunque si presentasse in quei luoghi, come rasa al suolo. Solo la determinazione dei residenti, appoggiati ed aiutati da fondi e premi di solidarietà riuscirono a ricostruire il tanto amato Comune di Casamicciola; riportando in tale luogo crescita economica, turismo e soprattutto rinascita.

Pubblicità

Ora come allora, si sono ripetute scene indescrivibili, accompagnate da sguardi di paura e timore.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto