Polemiche a Ventimiglia, dove decine di migranti di religione islamica hanno tenuto una preghiera collettiva davanti al cimitero comunale allo scopo di onorare la festa di Id-al-Adha; questa ricorrenza è conosciuta come la festa del sacrificio ed è la celebrazione della prova superata da Abramo, il quale era pronto a uccidere suo figlio Ismaele rispondendo alla richiesta di Dio, che fermò l’esecuzione un attimo primo che il padre uccidesse il figlio, soddisfatto dell’ubbidienza totale mostrata da Abramo.

Polemiche nel mondo politico locale

Il luogo e la circostanza che la preghiera è stata celebrata con altoparlanti ha provocato un vespaio di reazioni tra i cittadini del centro ligure e gli esponenti della Politica locale. In particolare il consigliere comunale Roberto Nazzari ha dichiarato che chiederà al Sindaco se la manifestazione fosse stata autorizzata; il consigliere ha affermato che gli organizzatori del rito si sono allacciati alla corrente elettrica della Protezione Civile e ha stigmatizzato la scelta del luogo poiché, a suo giudizio, si è trattato di un atto irrispettoso nei confronti della religione Cattolica.

Le perplessità sono alimentate anche dal fatto che sia stata un'organizzazione francese “Un geste pour tous”, ad organizzare la cosa provvedendo anche ad una trasmissione su Facebook dell’evento.

Commenti di cittadini indignati sul Web

A riportare la notizia la pagina web de “Il Giornale” e numerosi sono stati i commenti sdegnati di molti lettori della testata: Nando49, ad esempio, ha scritto che gli stranieri fanno nel nostro Paese quello che vogliono ignorando le leggi del nostro Paese e ha sottolineato il fatto che la Francia mai avrebbe autorizzato a fare lo stesso ad una associazione italiana e ha concluso invitando a pensare a cosa potrebbe accadere se un gruppo di cattolici si mettesse a recitare il rosario davanti ad un cimitero islamico.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Un altro lettore, Mariod6, ha espresso la sua indignazione perché, a suo giudizio, la preghiera collettiva musulmana ha profanato il luogo della memoria dei defunti. Adonf ha scritto che in Francia quando i musulmani pregano interi quartieri vengono bloccati e ha affermato che l’associazione francese che ha organizzato l’evento a Ventimiglia riceve finanziamenti da paesi musulmani come Emirati Arabi, Arabia Saudita, Qatar.

Altri commenti hanno posto l’accento sul fatto che scrivere in forma anonima sul web non è una forma di protesta tale da cambiare le cose. Non è mancato chi ha disegnato scenari apocalittici di moltitudini di immigrati impegnati a bruciare i luoghi sacri della religione cattolica.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto