Sono ancora ricoverati al policlinico San Martino di Genova, ma nella stessa stanza definita scherzosamente 'matrimoniale'. Sono sopravvissuti al crollo del ponte, l'ucraina Natasha Yelina, di 43 anni, e il moldavo Eugeniu Babin, di 34, coppia nella vita.

Da Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta, dove abitano, in quel tragico 14 agosto erano partiti all'alba per andare a fare le vacanze in Francia, tra la Costa Azzurra e la Provenza.

In un attimo il disastro, il viadotto è venuto giù. Scampati alla morte, dopo 13 anni di unione, hanno deciso di non indugiare più e di sposarsi appena potranno.

Crollo del ponte, come in un film di fantascienza: vivi per miracolo

Precipitati dal ponte crollato alle 11 e 36, come in uno spaventoso film. Sollecitati a ricordare, al Corriere della Sera hanno raccontato quei terribili momenti, Natasha ed Eugeniu.

Eugeniu ricorda che mentre erano in viaggio in auto e stavano percorrendo il ponte Morandi, all'improvviso sono "saliti" con la struttura e subito dopo sprofondati tra le macerie del pilone. Ma tutto gli sembra assurdo, inimmaginabile e non si capacita che possa essere davvero accaduto.

Anche Natasha ricorda il momento in cui il ponte si è alzato e ha pensato a uno dei tanti ponti levatoi di San Pietroburgo in Russia che si sollevano. Ma poi ha capito che stava accadendo qualcosa di atroce. Quindi il crollo e la caduta.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Quattro ore nel terrore di non essere trovati

Dopo è seguito il sollievo di riuscirsi a parlare e di scoprire d'essere vivi mentre entrambi muovevano mani e braccia per esserne certi. Erano vivi sia pure in condizioni difficilissime: al buio, sovrastati da detriti, sabbia, vetri, cemento, schiacciati in 50 centimetri di spazio per respirare. Quindi sono seguite quattro ore nel terrore che i soccorritori non si accorgessero di loro e non riuscissero a sopravvivere.

"La nostra paura più grande era che non ci trovassero", hanno detto. Il pensiero è andato al figlio di lei, Bogdan di 20 anni, avuto da un precedente matrimonio, e ai genitori anziani che sarebbero rimasti soli.

Allora hanno suonato il clacson dell'auto, ma poi la batteria si è esaurita. Quindi si sono messi ad urlare. Poi Eugeniu ha trovato il cellulare e cercava di comporre il numero delle emergenze.

Nel frattempo il cellulare di Natasha squillava, ma lei era sotto shock. Finalmente il ritorno alla vita: voce dei vigili del fuoco che gli diceva di non preoccuparsi e che li stavano andando a salvare. Li hanno ritrovati a testa in giù nell'auto sotto un gigantesco cumulo di macerie.

Un vigile del fuoco, dopo che la coppia era stata estratta, ha anche risposto al cellulare di Natasha che continuava a squillare rassicurando il figlio di lei.

Una volta in ospedale, hanno poi trovato la forza di fare un breve video postato su Facebook per rassicurare amici e parenti. Ringraziano tutti i loro 'salvatori' dai vigili del fuoco ai medici che gli hanno prestato ogni cura e di averli messi in stanza insieme per farli stare bene anche moralmente.

L'annuncio delle nozze

L'annuncio l'hanno dato dalla stanza che dividono in ospedale. Non appena staranno meglio e saranno dimessi, lui tra qualche giorno, lei tra tre settimane, organizzeranno un bel matrimonio e in chiesa: "Perché Dio quel giorno ha conservato un piccolo nido per noi", ha detto Natasha.

Poi torneranno a Santa Maria Capua Vetere dove lui è parrucchiere e lei lavora come estetista nel suo negozio. Ora devono affrontare i dolori fisici. Seguiranno quelli psichici, come ben sa Natasha che è laureata in psicologia. Ma sanno di essere stati miracolati e non vogliono più temporeggiare: dopo 13 anni di unione è il momento di sposarsi e di dare valore a ogni momento della vita.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto