La cagnolina di nome Bonnie, che si era smarrita la notte di Capodanno scappando di casa per la grande paura dei fuochi artificiali, è stata ritrovata viva e si è potuta ricongiungere alla sua famiglia dopo quasi tre mesi. Bonnie è stata trovata da alcuni passanti in un bosco, molto mal ridotta e ferita, ma viva.

La storia della scomparsa di Bonnie

Una storia a lieto fine, dunque, che giunge dalla provincia di Brescia, precisamente da Gragnano.

Infatti è proprio da qui che la cagnolina Bonnie si era allontana la notte di Capodanno, terrorizzata dai botti che l'hanno spinta ad abbandonare la sua casa. I suoi padroni, spaventati e preoccupati dall'assenza del cane, si erano immediatamente dedicati alla ricerca della cucciola nella speranza di ritrovarla sana e salva. I familiari si erano rivolti anche alla Lav del Trentino che li aveva aiutati a rendere virale la notizia. Ben presto, infatti, la storia di Bonnie aveva iniziato a diventare celebre sul web e in tanti si erano mobilitati per riportare a casa la cagnolina.

Il ritrovamento della cagnolina

Non sono stati i volontari o i familiari a ritrovarla, però. Infatti, quando ormai le speranze si erano affievolite, la famiglia ha ricevuto una telefonata molto gradita: a chiamare sono stati alcuni escursionisti che, in gita presso i boschi del Monte Stino, si sono imbattuti in una cagnolina molto spaventata, ferita, dimagrita e malridotta. Al collo la cucciola aveva una medaglietta con inciso i numeri di telefono della propria famiglia, ed era proprio Bonnie.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Curiosità

La cagnolina è stata immediatamente ricongiunta ai familiari e sottoposta alle necessarie cure. Secondo quanto si apprende ne avrà per qualche settimana, ma si riprenderà.

Il punto di vista degli animalisti

Una storia a lieto fine che ha fatto tirare un grande sospiro di sollievo a molti amanti degli animali. Molti animalisti, però, continuano a ribadire quanto siano pericolosi i fuochi artificiali per i nostri amici a quattro zampe.

Secondo quanto dichiarato dall'esperto Sergio Bottino, il primo istinto degli animali in caso di botti è quello di cercare un luogo sicuro nel quale rintanarsi, in attesa che l'evento che tanto li spaventa cessi. E' importante, dunque, che il cane venga tenuto in sicurezza, al guinzaglio o in luogo sicuro della casa nel quale può stare il più tranquillo possibile e sentirsi sicuro in attesa del ritorno del silenzio.

Un'altra strategia consigliata è quella di spostare la cuccia del nostro amico in un posto molto silenzioso, dal quale non possa udire i rumori.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto