Nelle ultime settimane è emersa la notizia che il Pentagono non avrebbe abbandonato le ricerche sugli "Oggetti Volanti non Identificati". A quanto sembra, in ambito militare piloti e soldati si trovano spesso di fronte a "velivoli" dalle proprietà ignote, e ora è sempre più chiaro che le forze armate americane stanno cercando di comprendere cosa sia questo fenomeno.

UFO e ricerca militare

Ogni volta che si parla di UFO, sorge subito un sano scetticismo, poiché è difficile credere che gli omini verdi volino sulle nostre teste ogni giorno, da anni.

Pubblicità
Pubblicità

E, proprio per questo, quando escono notizie riguardanti il fatto che il Pentagono o le forze armate in senso lato si interessino al fenomeno, si ha la sensazione della bufala.

Tutto ciò, però, è dovuto in buona parte a un'incomprensione di fondo. "UFO" infatti non vuol dire necessariamente "Astronave extraterrestre", ma è un acronimo che sta soltanto per "Oggetto Volante non Identificato". Se si guarda d questo punto di vista la questione, ecco che diventa invece normalissimo il fatto che la difesa (americana e non) si occupi di ciò.

Pubblicità

E negli ultimi anni, in effetti, il fatto che le forze armate americane stiano studiando la questione è arrivato sino ai media. Ad esempio, nel dicembre 2017, sul New York Times, è stata pubblicata una ricerca di Helene Cooper, Ralph Blumenthal e Leslie Kean sul Programma di identificazione delle minacce aerospaziali avanzato del Dipartimento della Difesa, programma che è stato incaricato esplicitamente anche di catalogare e studiare gli avvistamenti di UFO da parte dei piloti militari.

A questo, negli ultimi tempi, si sono aggiunti nuovi dettagli ancor più importanti.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scienza UFO

Gli stessi giornalisti hanno infatti raccontato che questi misteriosi oggetti sarebbero "comparsi quasi ogni giorno dall'estate 2014 a marzo 2015, nei cieli della costa orientale. I piloti della marina riferirono ai loro superiori che gli oggetti non avevano motori a reazione visibili agli infrarossi, ma che potevano raggiungere 30.000 piedi e velocità ipersoniche."

A queste dichiarazioni si sono quindi aggiunte persino quelle del tenente Ryan Graves, pilota di Super Hornet F / A-18 per 10 anni, che ha raccontato: "Queste cose stanno lì per tutto il giorno".

Organi ufficiali dello stato americano riconoscono l'esistenza degli 'UFO'

Per chiarezza, è bene ripetere che nessuno, tra giornalisti, militari o autorità, sta affermando che questi oggetti siano extraterrestri, ma si limitano a riportare un fenomeno che, qualsiasi origine abbiano, sembrerebbe comunque indiscutibile. L'obbiettivo, insomma, è quello di cercar di capire cosa essi siano, evitando complottismi o sensazionalismi.

Pubblicità

Ciò che dunque è molto interessante di questo ultimo ciclo di notizie, è che i funzionari del Dipartimento della Difesa americano stanno redigendo nuove linee guida per i piloti che segnalano incontri con 'velivoli non identificati'. Questo è un nuovo significativo passo in avanti nella creazione di un processo formale per raccogliere, analizzare gli avvistamenti inspiegabili e, se possibile, comprenderli.

Pubblicità

A riferirlo è stato al Post lo stesso Luis Elizondo, un ex alto funzionario dell'intelligence.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto