Una vera tragedia ieri sera ha sconvolto Vittoria, città in provincia di Ragusa in Sicilia. Un Suv ha travolto due cuginetti di 11 e 12 anni in una piccola via del Comune uccidendo su colpo uno dei due e ferendo gravemente l'altro che tutt'ora lotta tra la vita e la morte. I bambini si trovavano davanti la loro casa e il grosso autoveicolo gli ha letteralmente tranciato le gambe. L'autista del Suv e i passeggeri a bordo pare sia fuggiti via a piedi dopo l'incidente salvo poi presentarsi spontaneamente in Questura. Il colpevole di omicidio stradale é stato arrestato.

La vicenda

Una calda sera di estate si è trasformata in tragedia per due famiglie in Sicilia ieri sera. A Vittoria in provincia di Ragusa due ragazzini di 11 e 12 anni erano sull'uscio di casa quando in Suv guidato da un uomo di 34 anni, R.G., li travolge. Uno dei due bambini muore sul colpo, l'altro è gravemente ferito e trasportato in elicottero all'ospedale di Catania. Il codice rosso dell'elisoccorso dimostra la gravità delle condizioni del bambino che è in prognosi riservata e rischia anche lui la vita.

L'autista del Suv insieme ai passeggeri che erano con lui in auto si sono dileguati subito dopo il "fattaccio" e le Forze dell'Ordine si sono messe immediatamente alla ricerca del conducente che è stato subito identificato.

Accuse pesantissime, l'uomo guidava in stato di ebrezza e drogato

Sul Suv oltre al conducente c'erano due persone. Tutti si sono poi presentati spontaneamente in Questura. La loro fuga è stata giustificata con la paura di essere aggrediti dai parenti delle vittime. Una giustificazione che non è servita per evitare l'accusa di omissione di soccorso ai passeggeri del Suv.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Cronaca Nera

Come è normale che sia invece, l'autista è stato accusato di omicidio stradale aggravato. Infatti dai rilievi successivi R.G. è stato trovato con un tasso alcolemico superiore al limite consentito e con tracce di sostanze stupefacenti. In pratica guidava ubriaco e drogato. Per di più nell'auto sono stati rinvenuti attrezzi atti ad offendere come una mazza da baseball ed uno sfollagente che hanno aumentato le accuse a carico dell'uomo per la detenzione illecita di strumenti offensivi. Una brutta e terribile vicenda che secondo i soccorritori che hanno subito constatato la morte di uno dei due cuginetti, presentava una scena raccapricciante.

I due bambini intenti a giocare davanti l'uscio della casa dove si trovavano con le rispettive famiglie probabilmente non si sono nemmeno resi conto dell'arrivo a velocità sostenuta del Suv. La Jeep modello Renegade ha trascinato per metri i due piccoli prima di fermare la sua corsa a metri di distanza.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto