Nel ragusano un uomo è stato fermato e arrestato per abuso e sequestro di persona nei confronti di una giovane donna che aveva fermato per strada. Il 26enne aveva chiesto aiuto ad una passante, per poi violentarla e sequestrarla. L'atroce vicenda si è svolta a Vittoria e a Marina di Ragusa.

La notte della tragedia: minacce e violenze su una giovane donna

Una giovane donna tornava a casa dopo aver festeggiato il suo compleanno quando è stata fermata da un uomo che le chiedeva aiuto, perché sua moglie stava male.

La ragazza si è fermata per permettergli di chiamare i soccorsi, ma lui ha subito rivelato la vera natura delle sue intenzioni. Con una pietra ha minacciato la donna, intimandole di fargli guidare l'auto. L'aggressore si è diretto con la sua vittima verso il cimitero dove le ha rubato la borsa, in cui erano presenti i documenti, e ha letto ad alta voce le generalità della ragazza, minacciando lei e la sua famiglia.

Successivamente ha abusato di lei, in auto.

Dopo la violenza, l'uomo ha condotto la donna a Marina di Ragusa, su una spiaggia. Ha iniziato a lamentarsi con lei dei problemi che aveva con sua moglie: i due avevano litigato poco prima. In seguito, l'aggressore ha nuovamente portato la vittima vicino al cimitero, a Vittoria, abusando ancora una volta di lei. Infine, si è fatto lasciare vicino alla sua abitazione, minacciando la donna e la sua famiglia di morte se avesse raccontato a qualcuno quanto accaduto.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

La giovane donna ha provato a chiamare i suoi amici ma, essendo notte fonda, i loro cellulari risultavano spenti. Ha lasciato un messaggio vocale ad una sua cara amica, raccontando le tre ore infernali di violenza che aveva subito. Successivamente ha dovuto chiamare i genitori con i quali convive, ma che non voleva dar preoccupare. I familiari l'hanno raggiunta a l'hanno accompagnata in ospedale, dove è stata subito soccorsa e dove i medici hanno chiamato le Forze dell'Ordine.

La Polizia ha avviato un'indagine in base alla ricostruzione rilasciata dalla vittima che, a causa dell'atrocità di quello che ha dovuto subire, ha avuto enormi difficoltà. Grazie alle dichiarazioni della ragazza e gli spostamenti individuati attraverso le videocamere di sorveglianza, gli inquirenti sono risaliti all'identità dell'aggressore.

Catturato l'aggressore, aveva già gravi precedenti

Gli investigatori si sono messi sulle tracce dell'uomo e quando lo hanno raggiunto, si trovava lungo una strada vicino alla sua abitazione.

Alla vista degli agenti, il 26enne ha tentato di fuggire, ma è stato subito bloccato. L'accusato è stato sottoposto a fermo di Polizia Giudiziaria: la vittima lo ha riconosciuto anche grazie alle foto mostrate dalla Polizia. L'uomo, infatti, era già stato condannato nel 2018 per sequestro di persona, violenza sessuale aggravata e rapina.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto