È morta sul colpo la ventunenne Madalyn Davis, famosa modella britannica e influencer, precipitata dalla scogliera Diamond Bay, ad est di Sydney. Si tratta di un luogo particolarmente noto tra i fashion blogger, i quali spesso vi si recano per scattare dei selfie unici, magari al sorgere del sole o al tramonto, allo scopo di ottenere numerosi like sui social network.

Probabilmente era proprio questa l'intenzione della modella che, però, stando alle prime testimonianze raccolte dagli investigatori, avrebbe perso l'equilibrio e sarebbe caduta da un'altezza di circa 30 metri.

Rebecca Smith, madre della modella, attacca i troll del web: 'Mia figlia non era ossessionata da se stessa'

Dopo essere venuti a conoscenza della drammatica notizia, numerosi haters si sono riversati sui social network per insultare la sfortunata modella, accusandola di essere una ragazza frivola, povera di contenuti ed egocentrica.

Immediata è giunta la reazione della madre, Rebecca Smith, la quale ha chiesto con forza che si smetta di infangare il ricordo dell'amata figlia precocemente scomparsa: "Mia figlia non era ossessionata da se stessa - ha affermato - era una bellissima persona meravigliosa che ha fatto un errore.

Ha una sorellina e un fratello che stanno leggendo questo".

Rivolgendosi direttamente ad uno dei detrattori della giovane, la donna ha aggiunto: "Madalyn era amata, aveva integrità e decenza. Se hai bisogno di credere diversamente per sentirti meglio con te stesso, questo è il tuo dolore. Ti auguro di guarire da qualsiasi trauma ti abbia portato a comportarti in questo modo".

Al contempo, c'è da sottolineare che in queste ore sono giunti anche diversi e toccanti messaggi da parte degli amici e dei follower della sfortunata influencer, ricordata soprattutto come uno "spirito libero" e una persona "bella dentro e fuori".

Madalyn Davis: ennesima vittima di selfie pericolosi

Una tragedia simile si era già verificata qualche mese fa e sempre a Diamond Bay. In linea generale, spesso gli influencer, per distinguersi ed emergere, si spingono oltre per ottenere visibilità sui social, sfidando la natura e rischiando la vita. Per loro scattare dei selfie dal trentesimo piano di un palazzo in bilico su un cornicione è la normalità: tutto ciò contribuisce a renderli sempre più sicuri di se stessi, andando ad abbassare inesorabilmente il livello di paura e la percezione del pericolo.

In tutto il mondo si contano più di 260 vittime dei cosiddetti 'killfie'

A poco sono valsi gli appelli di psicologi e trasmissioni televisive. Si tratta di un fenomeno, quello del Daredevil Selfie (letteralmente selfie pericoloso) che, anziché diminuire a fronte delle vittime registrate, ormai sembra essere diventato una vera e propria moda.

Dunque, se al momento non sembra possibile agire sulle coscienze di questi ragazzi, è necessario senza ombra di dubbio aumentare le misure di sicurezza. Dopo la morte di Madalyn Davis, il sindaco di Sydney e le varie autorità locali hanno deciso di confrontarsi per capire se sia il caso o meno di tenere ancor di più sotto controllo la scogliera di Diamond Bay, per far sì che non si ripetano più altri drammi di questo genere.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!