Ennesimo caso di suicidio a Salerno. Un uomo di 43 anni, nel pomeriggio del 31 marzo, si è infatti lasciato cadere dal settimo piano del palazzo che ospitava la propria abitazione. È successo in provincia, a Pastena. L'evento ha avuto luogo in via Freda, versante orientale della città. Per la zona del salernitano si tratta del terzo suicidio negli ultimi quindici giorni, tutti portati a termine nella medesima modalità.

I vicini sconvolti hanno sentito prima delle grida e poi un grande tonfo. L’uomo, R.I. le sue iniziali, giaceva a terra inerme, senza vita. Non si conoscono ancora le cause che hanno spinto il 43enne a compiere questo gesto estremo, probabile che la cosa sia da ricondursi ai noti problemi psichici di cui soffriva.

I Carabinieri stanno comunque svolgendo tutte le indagini del caso.

L’uomo era stato dimesso da poco dal reparto di psichiatria

L’uomo non ha infatti lasciato nessun messaggio per i parenti, neanche una lettera, nulla che potesse spiegare i motivi dell'accaduto. Da pochi giorni la vittima, che non era sposata e non aveva figli, era stata dimessa dal reparto di psichiatria dell’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggì D’Aragona, dimissioni forse premature visto il tragico epilogo. Dalle prime ricostruzioni offerte dalle testate locali e da Il Mattino, pare che l'uomo avesse già tentato in passato di togliersi la vita senza però riuscirci sino al pomeriggio del 31 marzo scorso.

Terzo suicidio a Salerno in 15 giorni, tutti con la stessa dinamica

Come accennato in apertura, questa tragedia è il terzo caso di suicidio verificatosi in provincia di Salerno nel giro di soli 15 giorni.

Tutti i suicidi sono stati compiuti con la stessa modalità, con un salto nel vuoto che non ha lasciato scampo a nessuna delle vittime.

Il primo era avvenuto il 19 marzo scorso, quando una donna di 52 anni si è lanciata dal balcone di casa propria. Il secondo, domenica 29 marzo, nei pressi di Mercatello: in quest'ultimo caso pare che il gesto sia stato causato dalla morte della moglie della vittima, avvenuta due giorni prima del suicidio.

Sono tempi estremamente difficili per tutti: la pandemia in atto, col conseguente carico di depressione che potrebbe conseguirne, rischia infatti di colpire con più forza quanti abbiano già problemi psichici pregressi. A complicare il quadro un'evoluzione dei contagi che nella stessa Campania, nella giornata di ieri, ha conosciuto il proprio picco con il dato record per la Regione di 225 nuovi positivi in un solo giorno a fronte di 1.676 tamponi realizzati.

In attesa della consueta conferenza stampa della Protezione Civile prevista per le 18 di oggi, il totale complessivo dei positivi in Campania ammonta a 2.456 a fronte di 17.404 tamponi realizzati da inizio pandemia (dati a cura del'Unità di Crisi della Regione Campania).

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!