Se n'è andata la bibbia del femminismo, una cantrice ribelle e appassionata, premio Nobel per la Letteratura nel 2007.  La scrittrice britannica Doris Lessing è morta serenamente a 94 anni, come ha dichiarato il suo editore Harper Collins.

Era nata in Iran nel 1919, ma era cresciuta in Zimbawe (all'epoca Rhodesia), nella sua carriera annovera oltre 55 opere, tra romanzi, raccolte poetiche e saggi. Doris Lessing cantò le donne e la libertà: in Zimbawe scrisse il suo primo romanzo, l'Erba canta, nel 1950. Dodici anni dopo esplorò le profondità del mondo femminile nell'opera che è considerata uno dei suoi capolavori, Il taccuino d'oro.

Secondo quanto riferisce il Guardian, la notizia della sua scomparsa ha provocato uno shock per molti, nonostante l'età assai avanzata dell'autrice.

Oltre al Nobel, Doris Lessing vinse tutti i più prestigiosi riconoscimenti letterari d'Europa. Celebre la sua reazione alla giornalista che le chiese se avesse saputo la notizia del Nobel; la Lessing gettò a terra le buste della spesa e rispose: "Oh Crhist!".

Dotata di una scrittura di fuoco, pungente e scarnificante, aveva un carattere indipendente, irascibile e anticonformista.  Negli ultimi anni era rimasta sbigottita dall'immagine della donna moderna, diventata ormai insolente, arrogante, sfrontata, ma anche bigotta.

Nel 2001, al Festival del libro di Edinburgo, disse che gli uomini avrebbero dovuto ricominciare a tenere testa alle donne, visto che non ne sono più capaci. 

Espresse anche il suo rifiuto più netto verso la politica del presidente americano George W. Bush, che considerava assai dannosa per il mondo (definì il Capo di Stato americano "una calamità mondiale"). 

Si compiaceva del suo anticonformismo e del suo essere sempre fuori dalle righe, come quando definì l'attacco terroristico dell'11 settembre "non così terribile".

I migliori video del giorno

Visse per oltre mezzo secolo a Londra e le sue opere sono considerate dalla critica "un esempio modernissimo di libertà per tutte le donne". La stessa Lessing si definì "femminista" per tutta la sua vita, scriveva i discorsi che sentiva tra le donne e non trovava ciò particolarmente nuovo o sconvolgente. 

Ha sempre voluto liberarsi dal clima provinciale della Rhodesia, allontanarsi dalla convenzionalità, dal contesto piccolo-borghese dei suoi genitori.

Divenne famosa anche per i suoi amanti (dal secondo prese il cognome) e per il suo umorismo sottile. Nel 1954 vinse il Somerset Maugham Award, mentre nel 2001 si aggiudicò il Premio Principes de Asturias.

Moltissimi la ricordano su Twitter con un suo aforisma: "Ricordate che il libro che trovate noioso quando avete 20 o 30 anni vi aprirà porte per quando voi ne avrete 40 o 50"