Il 26 settembre 2014 prende avvio a Frascati la nona edizione della Notte Europea dei Ricercatori, evento culturale di eccezionale rilievo, che reca per mano la Scienza ed i suoi protagonisti nella comunità, maggiormente tra gli studenti, in attesa di stimoli intellettuali e di indicazioni formativo-professionali. Alle ore 10.00, presso le scuderie della villa Aldobrandini, apre al contempo la mostra fotografica dal titolo Sostenibilità, a cura della scuola di fotografia 1.4 Photostudio, partner di Frascati Scienza.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Scienza

"La parola sostenibilità è a volte troppo astratta e di difficile interpretazione. Vuol dire tutto e niente", dichiara Cristina Cosmano, ideatrice della mostra. "E allora si fa fatica a visualizzarla e perde il suo significato.

In questa mostra cercheremo di dare alla parola un risvolto concreto. Perchè tutti possiamo contribuire, nel nostro piccolo, all'adozione pratica di azioni che possano aiutare il nostro pianeta. Nella nostra quotidianità possiamo fare molto per aiutare il pianeta. Basta solo capire come."

L'iniziativa della Notte dei Ricercatori ha conseguito negli anni un crescente successo di pubblico e un lusinghiero apprezzamento in ambito tecnico, in ragione di una sua precipua specializzazione divulgativa: scienza e futuro. L'importanza rimarchevole dell'edizione 2014, dall'impegnatissimo tema - la sostenibilità - coinvolge attori socio-economici ed istituzionali sul tema di maggior rilevanza globale: la salute del pianeta, delle sue forme di vita e la praticabilità delle scelte di politica economica della comunità internazionale.

I migliori video del giorno

I ricercatori italiani sono tra i più impegnati, in questo sensibile ambito, nello sforzo di profondere valori di sostenibilità all'impronta ecologica umana. L'edizione 2014 presenta un'ulteriore novità organizzativa, caratterizzata dall'aggiungersi alle sedi celebrative di Roma e Frascati, quelle di Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Ferrara, Milano, Pavia, Pisa e Trieste. Dunque, undici postazioni urbane e universitarie, interagenti a livelli d'eccellenza, e impegnate nel rendere i temi della ricerca scientifica argomenti per un evento di profilo continentale.

La Notte Europea costituisce un articolato progetto/evento promosso dalla Commissione Europea e coordinato da Frascati Scienza, in collaborazione con la Regione Lazio, il Comune di Frascati, l'ASI, il CNR, l'ENEA, EGO VIRGO, ESA-ESRIN, l'INAF, l'INIF e una lunga lista di operatori scientifici ed istituzionali strettamente interrelati.

L'evento di fatto si presenterà stellare: all'Università Roma Tre i ricercatori saranno impegnati in esperimenti di laboratorio, mostre, seminari e spettacoli tematici, ad ingresso rigorosamente libero.

Il concerto di apertura delle ore 20.00, seguito da un divertente Star Party condotto dagli scienziati dell'Ateneo romano, "guiderà" gli ospiti verso una interessante passeggiata astrale con i telescopi. Presso l'allestimento dei Fossili Viventi, paleontologi condurranno un excursus sull'evoluzione delle specie; al dipartimento della Scienza del Quotidiano si focalizzerà l'attenzione sulle modalità di indagine scientifica. Vita extra-terrestre, viaggi spaziali, sismologia, mineralogia, biologia, fino alle tecniche anti-contraffazione, costituiranno l'ampia gamma epistemologica dell'evento/seminario che parte da Frascati.

Lo spettacolo della scienza troverà dunque in questa kermesse ampia e apprezzabilissima prospettiva di rappresentazione con le sue performances illustrative, quale ineludibile ausilio per l'umana comprensione della complessa natura delle cose.