Il prossimo 27 agosto uscirà nelle sale cinematografiche italiane "Qualcosa di buono", una storia di amicizia tra due donne interpretate dal premio Oscar, Hilary Swank e da Emmy Rossum, e diretto da George C.Wolfe. Si potrebbe definire questa pellicola come una versione al femminile di "Quasi Amici", il film francese che nel 2011 conquistò il favore della critica e commosse il pubblico di tutto il mondo.

Le due protagoniste vengono da mondi apparentemente diversi, quasi opposti tra loro, ciò nonostante riusciranno ad instaurare una forte e profonda amicizia che aiuterà entrambe a scoprire loro stesse e ciò che vorrebbero essere in realtà.

"Qualcosa di buono", la trama ed il trailer del film: terzo Oscar in arrivo per la Swank?

La pellicola, girata nel 2012 a Los Angeles e distribuita negli Stati Uniti ad ottobre del 2014, è tratta dal romanzo "You're not you", scritto dall'autrice Michelle Wildgen e pubblicato nel 2007.

La decisione di farne un film è stata presa proprio dall'attrice Hilary Swank che, dopo aver letto il libro, le è piaciuto a tal punto da convincerla ad acquisirne i diritti e produrne così una versione cinematografica. "Ho pensato fosse un'ottima opportunità per raccontare il legame d'amicizia tra due donne che, nonostante antitetiche in tutto, si conoscono e riescono a volersi bene rispettandosi a vicenda", ha dichiarato l'attrice in una delle tante interviste rilasciate.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cinema

Il film racconta la storia di Kate, interpretata da Hilary Swank, una pianista a cui hanno diagnosticato la sclerosi laterale amiotrofica che la costringe sulla sedie a rotelle e porta il marito, Evan (Josh Duhamel), a trovare una persona che si occupi di lei a tempo pieno. A proporsi come "badante" è Bec (Emily Rossum), una giovane studentessa estroversa che sogna di fare la cantante rock e che non ha nessuna esperienza con persone malate.

Nonostante questo, Kate la sceglie per farsi assistere nella sua quotidianità e tra le due si instaura presto una forte complicità ed un legame non convenzionale. L'amicizia tra Kate e Bec, a volte conflittuale ma basata sul rispetto e l'onestà, permette loro di esplorare se stesse e scoprire chi desiderano essere nel mondo.

Hilary Swank ha ammesso che per poter interpretare al meglio la parte si è documentata molto ed ha conosciuto diversi malati facendosi raccontare la loro vita quotidiana e come vivono la loro situazione.

Per l'attrice è stata una prova difficile sia dal punto di vista emotivo che da quello fisico ma le ha regalato bellissime e fortissime emozioni. Ora toccherà al pubblico italiano commuoversi al cinema guardando la sua splendida e toccante interpretazione e chissà se la talentuosa Swank riuscirà a conquistare anche il suo terzo Oscar, dopo quelli vinti con "Boys don't cry" e "Million dollar baby".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto