Prende sede in uno dei capannoni industriali dei Cantieri culturali della Zisa, dove alle 12 di sabato 15 ottobre inaugurerà la mostra dal titolo "Haus der Kunst #1". E' il Verein e.V.Dusseldorf Palermo, che da tre anni porta avanti progetti e scambi artistici tra il capoluogo siciliano e Dusseldorf, ma anche tra la Sicilia e la Renania Settentrionale-Vestfalia. La collettiva è la prima di una serie che trasformerà questo spazio dell'ex fabbrica storica dei Ducroit in luogo votato all'Arte. Proporrà le opere di numerosi artisti che operano nei luoghi in cui si svolgono gli scambi culturali, presentando lavori che sono espressione di generazioni differenti tra di loro, capaci di raccontare tematiche sviscerate attraverso linguaggi quali la scultura, la fotografia, le installazioni e la pittura

Artisti di fama internazionale come Valerie Krause, Felix Droehese, Jan Kolata, Fulvio Di Piazza e Sergio Zavatteri, per fare solo qualche nome, accanto ai quali esporranno gli studenti delle Accademie di Belle Arti di Palermo e Dusseldorf.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Rap

Insieme, invaderanno questo luogo tanto amato dai cittadini del capoluogo siciliano in quanto da sempre vera e propria fucina di talenti, lasciando intatte le tracce del suo passato più remoto. Grazie a questa mostra, il Verein e.V. consegna questo spazio all'arte e alla cultura. E lo fa attraverso quel ponte, più concreto che ideale, tra la Sicilia e la Germania, che proprio negli ultimi anni ha messo in moto meccanismi di conoscenza e scambio pieni di voglia di fare e dare tanto. 

Sabato 15 ottobre, quindi il giorno dell'inaugurazione, la "Casa dell'Arte" resterà aperta al pubblico sino a mezzanotte e darà modo alla città di viverla in pieno, venendo in contatto con le sue potenzialità.

Opportunità offerta pure dalla presenza dei numerosi musicisti siciliani e tedeschi -  il trapanese Alessandro Librio, La Banda di Palermo e Gen RE, quest'ultimo direttamente da Dusseldorf, che offriranno le loro esibizioni musicali. La mostra si potrà poi visitare dal giovedì al sabato, dalle 16 alle 19.