La Montecarlo, in Vicolo Savelli, 13  dietro Piazza Navona, il ristorante di cucina romana e pizzeria nel centro di Roma ha ospitato lo scorso 19 settembre l'evento "Oggi servo io!" in sostegno dei paesi colpiti dal Terremoto.

Camerieri per una notte

Il proprietario del locale, originario di accumoli, sentendosi ancora più sensibilizzato dal problema, ha invitato gli amici attori e registi abitudinari del ristorante per farli servire ai tavoli. L'incasso della serata sarà totalmente devoluto a favore dei terremotati per l'apertura di un centro polifunzionale di aggregazione dei comuni colpiti dal terremoto (Accumoli, Amatrice e Pescara del Tronto). Si tratta di un'altra iniziativa di questa Italia coesa e generosa.

All'ingresso una fila interminabile, devo dire un pubblico prevalentemente femminile, che dopo aver pagato a un prezzo accettabile (un piatto di amatriciana e una bibita a 15 euro) otteneva un gettone che dava diritto a un abbondante piatto di pasta e anche,  perché no, una foto con Raul Bova, Vinicio Marchioni, Alessandro Gassmann o Edoardo Leo. Sabrina Impacciatore, instancabile correva tra i tavoli perché "mi piace mangiare con i tavoli puliti quindi anche per gli altri dev'essere così". Non si sono risparmiati neanche Valerio Mastrandrea e  Massimiliano Bruno, quest'ultimo verso le undici, stremato, ha abbandonato il "set culinario", mentre  Valerio è rimasto fino alla fine sempre disponibile e carino.

Un'iniziativa di successo

Sembrava di essere a una sagra di paese, l'atmosfera, l'entusiasmo, erano la costante, tante persone, tanta allegria e tanto lavoro.

I migliori video del giorno

Tra i volontari anche persone residenti ad Accumoli che con spontaneità e sorriso offrivano il loro aiuto. All'esterno l' Orchestraccia  suonava e cantava "Lella" intrattenendo la gente in coda, "   è un' esperienza meravigliosa" questo è il commento più ascoltato. La pasta è stata offerta da RUMMO, azienda sensibile disastri ambientali: si ricorda l'alluvione nella quale il pastificio rimase sommerso nel 2015.

Con Gassmann che ti porge un piatto di pasta e Mastrandrea che ti chiede "liscia o rigata?", senz'altro il connubio beneficenza-attori ha funzionato, si stima che siano arrivati a quasi 1800 coperti.