TheDanishGirl è stato trasmesso il 5 settembre in Prima Tv su Canale 5 in prima serata alle 21.10, riscontrando un enorme successo, come aveva già conosciuto precedentemente. Diretto da Tom Hooper, affronta una delle questioni più dibattute dei nostri tempi in Italia: la lotta tra chi vuoi realmente essere e chi apparentemente sei, la lotta per la vera identità di una persona e le implicazioni morali che ciò comporta. Purtroppo un tema non ancora del tutto superato e una battaglia non ancora del tutto vinta, in quanto la società odierna impone certi canoni e modelli da seguire, non lasciando spazio alle differenze e alle singole personalità.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cinema

Si viene accettati solo se conformi all'ideologia comune. Non esiste, o meglio non è pienamente diffusa e accettata la concezione secondo cui il diverso può essere qualcosa di originale e positivo, e non il contrario. Intolleranza e distacco sono anche i demoni contro cui si deve scontrare il protagonista di The Danish Girl.

Ambientato a Copenaghen negli anni venti, la pellicola racconta di una giovane coppia di pittori, lei, Gerda Wegener (Alicia Vikander), ritrattista e lui, Einar Wegener (Eddie Redmayne), paesaggista, vivono la loro vita da sposati, l'uno complici dell'altro. Gerda è una donna sicura di sé, forte, sfacciata per i suoi tempi; Einar è un uomo cupo, timido, affascinato dal mondo e dal sesso femminile, dall'eleganza degli abiti, dai gesti e dalle movenze da donna.Un giorno, Gerda propone al marito di posare per lei al posto della sua amica ballerina Ulla, impegnata con delle prove per uno spettacolo.

Inizialmente un po' impacciato, lui pian piano si scopre divertito delle sue pose e dell'abito che indossa: decide di essere Lili, la cugina di Einar, Lili Elbe.Per gioco, assume questa nuova identità ad una festa per artisti; ma, a poco a poco, Lili si insinua nel giovane pittore, cresce dentro di lui, fino ad annientare la sua parte maschile.

I migliori video del giorno

Non riesce più a tornare indietro, deve continuare a vestirsi da donna, a mettere le ciglia finte, a truccarsi. Ormai è parte di Einar. O meglio, lo è sempre stato, solo che non ha mai avuto il coraggio di farla emergere. Grazie a Gerda, finalmente è uscita. 

Non solo una storia di cambio di sesso e pregiudizi

The Danish Girl non è solo la storia di un uomo che desidera diventare donna e che deve affrontare se stesso, i pregiudizi del tempo e i dottori che lo reputano schizofrenico. Ma è l'amore tra due persone, è l'amore di Gerda per Einar e Lili, che antepone a tutto e supera tutte le barriere conformistiche e le difficoltà incontrate. Lei poteva scegliere di andarsene, ma decide di restarle accanto e di far parte della sua vita. Il regista Tom Hooper porta in scena un amore che commuove, che sconvolge; durante il film, si viene travolti da una serie di emozioni e c'è modo di sottrarsene.

Un vero e proprio film d'arte

#TheDanishGirl non denuncia nulla di perverso, anzi tutto è raccontato con una certa delicatezza di toni.

Niente è lasciato al caso: la perfezione regna in questo capolavoro. Gli ambienti, soprattutto gli interni, sono così realistici e ricchi di dettagli, che quasi permettono di far sentire i telespettatori partecipi di quel mondo, di quelle stanze. I dialoghi constano di una certa verosimiglianza e li rendono piacevoli all'ascolto. Gli abiti sono di elevata qualità e dotati di una certa pregevolezza.E per finire, magistrale è l'interpretazione degli attori principali: Eddie Redmayne e Alicia Vikander recitano in un modo realistico come se il film stesso fosse vita, come se esso si materializzasse nel momento in cui tutto ha inizio.