È un messaggio di auguri il brano di Mimmo Parisi. Come, a suo tempo, fece il popolare Ligabue incidendo “Buon compleanno Elvis”. Più precisamente e in questo caso, va da se, il riferimento è a un protagonista di carta, parole e nuvolette: Dylan Dog. Si tratta dell’antieroe inventato da Tiziano Sclavi che lo definì ‘indagatore dell’incubo’. È il 29 settembre del 1986 quando la Casa editrice Bonelli, editore fra gli altri del fortunato Tex, mette in circolo Dylan Dog. Il personaggio è abbastanza singolare per la linea editoriale della Bonelli.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Rap

Tra l’altro, le figure horror stanno, in questo momento storico, perdendo terreno. Qualcuno pensa che non vadano più e che abbiano fatto il loro tempo. Non così secondo la Casa editrice di Zagor.

Insomma, dopo un inizio disastroso – il numero 1 è quasi del tutto invenduto – Dylan inizia a prendere quota e s’innalza nell’empireo dei protagonisti fatti di carta e china. Le fattezze di questo corrucciato detective londinese che abita con uno strano sosia di Groucho Marx al numero 7 di Craven Road, sono prese dall’attore Rupert Everett.

Trent'anni di Dylan Dog

 Proprio e in occasione del trentennio dylaniano, quindi, il cantautore Mimmo Parisi ha pensato di segnalare l’evento con una canzone: “Non sono mica Dylan Dog”. Com'è solito per questo musicista, nel brano non vi è solo l’aspetto artistico e, in questo caso, celebrativo. L’attenzione che l’autore ha per l’attualità, che riguardi il sociale o i cambiamenti di costume o, ancora, l’economia nel tempo della crisi, si riverbera comunque nei suoi testi.

I migliori video del giorno

Così, il brano funziona anche come chiave di lettura per l’attualità e le sue problematiche. Un personaggio come quello di Sclavi, pur costituito da immagini e parole, è espressione di un certo modo di sentire il mondo e le sue vicissitudini.

Lo stile

 Ad arricchire le uscite discografiche di fine estate, quindi, si aggiunge anche “Non sono mica Dylan Dog”, pubblicata l’11 settembre 2016. Il brano è stato composto, parole e musica, per l'appunto, da Mimmo Parisi. Il cantautore emiliano è intervenuto anche negli arrangiamenti. Tutti gli strumenti sono suonati dall’autore. Mixing e mastering, invece, sono stati realizzati a Bologna presso lo studio Stelledicarta. La composizione è supportata da un lyric video.  Da un punto di vista più prettamente stilistico, si è in ambito decisamente rock con spruzzi di hard rock. Il brano si annuncia con un arpeggio di chitarra crunch, al quale segue la voce riconoscibile dell’autore. Nell’inciso l’arpeggio cede il passo a una sequenza aggressiva di power chords. Gli altri strumenti presenti sono, il pianoforte che sostiene in maniera eccellente il tappeto di chitarra, il basso e la batteria programmata da Dieguito. Il brano è distribuito negli store digitali.