Michael Moore non è nuovo alla presentazione di documentari di carattere politico, lo fece già con Fahrenheit 9/11, caso esemplare di critica sociale verso un esponente politico, in quel caso l'allora presidente degli USA George W. Bush. Ora è soprattutto Donald Trump ad essere messo sotto analisi, ed è proprio dalla "terra di Trump" che il cineasta fa partire il suo one-man show, da un teatro di Wilmington precisamente, in Ohio, luogo in cui il candidato repubblicano ha vita facile. L'enorme maggioranza degli elettori è conservatrice. Una terra quindi indubbiamente poco adatta nell'accogliere ideologie più democratiche. In effetti, Moore, non nasconde il suo schieramento verso la candidata Clinton, della quale ne esalta le gesta e la proietta come la nuova eroina salva-America.

La censura e l'idea del film

L'idea del film nasce proprio in Ohio, negli USA, dopo che Moore fu pesantemente censurato e gli fu vietata la possibilità di filmare il suo live show in un teatro a Newark, OhioAmazon Music Unlimited esce negli Stati Uniti

come lui stesso racconta, ci dice il "The Guardian": "Sono sicuro che le buone persone che gestiscono questo teatro non sono, nel loro cuore, orgogliose di quello che hanno fatto e hanno certamente sperato che il loro piccolo atto di censura non sarebbe uscito fuori. Probabilmente non pensavano che ci saremmo preoccupati di loro così pubblicamente.

I migliori video del giorno

Ecco come piccole città la fanno franca in situazioni del genere." Una "Trumpland" fedele fino in fondo ai suoi ideali.

Il debutto

Il docu-film di Moore è stato girato solo poco più di due settimane fa, in due giorni, e dura solo 73 minuti nei quali il regista mette in scena il suo dibattito live che ha tenuto presso il Murphy Theatre di Wilmington. Il debutto è avvenuto martedì scorso in un cinema di Brooklyn a New York e che, come ci spiega "Business Insider", proprio ieri è stato presentato anche a Los Angeles e continuerà la sua corsa verso altre sale del paese, e si spera in breve tempo di avere il film disponibile anche in streaming e su I-tunes.

Mister Donald Trump: Neofascismo o Nuovo Tradizionalismo 2.0?