Boom di ascolti per la finale del Grande Fratello Vip. Il reality show di Canale 5 si aggiudica la prima serata con il 26,36% di share, tenendo incollati al televisore più di 5 milioni di italiani. Il GF Vip batte la rete ammiraglia Rai, che, con la prima visione tv di “Fratelli Unici”, non va oltre il 14,48% (con poco più di 3,8 milioni di telespettatori).

Numeri di tutto rispetto per un reality che, nell’ultima edizione, aveva fatto registrare percentuali di share non del tutto convincenti, e conquistando il 23% soltanto nella serata finale.

La vittoria della prima edizione del GF Vip è andata alla Ciociara Alessia Macari, che nella finalissima a due ha battuto l’attore Gabriele Rossi.

Terza classifica Valeria Marini. La Valeriona nazionale era stata battuta al televoto proprio da Gabriele Rossi, che a sua volta aveva già eliminato Stefano Bettarini, classificatosi quarto. Quinta Laura Freddi.

Battibecchi, scaramucce e qualche discussione di troppo, non hanno però rovinato la grande festa finale, che ha incoronata, a detta di qualcuno, i meno vip dell’edizione. Meno noti, ma non certo meno meritevoli di arrivare in finale. Perché Gabriele e Alessia, con la loro leggerezza e serietà, e forse anche con la loro riservatezza e con i loro silenzi, la finale l’hanno meritata eccome.

Gabriele e Alessia. Alessia e Gabriele. Giovani e promettenti, belli e telegenici, riservati e spesso taciturni in un contesto in cui è l’esibizionismo a farla da padrona. Perle rare nella giungla del trash.

I migliori video del giorno

Conquista le lodi degli addetti ai lavori la “Capitana”, Ilary Blasi, che spesso ha faticato, e non poco, a districarsi in questa giungla fatta di battibecchi e tradimenti, di emozioni e chiacchiericci superflui. Ma ci sarà ancora tempo per i bilanci finali di questa edizione “stellare”. La “Capitana” concluderà la sua avventura al timone del programma lunedì prossimo, quando i vip, nell’ultima puntata, quella dei confronti a viso aperto, dei bilanci e delle grandi verità, si affronteranno sul ring, senza esclusione di colpi.