All'Auditorium di #Roma al 'Disney Frozen' il 29 Dicembre è accaduto qualcosa d'incredibile che ha suscitato una serie di polemiche. Il direttore d'orchestra ha pronunciato una frase che ha fatto piangere i diversi bambini presenti alla sala, le parole incriminate sono queste: 'E comunque Babbo Natale non esiste'. Un'affermazione inopportuna vista la presenza massiccia di bambini, il pubblico presente prima è rimasto senza parole ma poi metabolizzando l'assurdità detta dall'uomo, ha iniziato a fischiare e diffamare il direttore.

La frase pronunciata dal direttore d'orchestra Giacomo Loprieno ha scatenato una vera e propria bufera, soprattutto per i più piccoli che, con le lacrime agli occhi hanno chiesto una spiegazione ai propri genitori.

Lo spettacolo per bambini, il 'Disney in concert: Frozen' ospitato dall'Auditorium Parco della musica di Roma, stava proseguendo senza nessun intoppo fino alla fine quando è successo quello elencato prima. Le lamentele sono state così forti tanto da costringere all'organizzazione di cacciare via Loprieno e sostituirlo con un nuovo direttore per la seconda serata prevista il 30 Dicembre.

L'organizzazione dello spettalo si dissocia di quanto accaduto

Tutto procedeva alla perfezione fino alla fine dello spettacolo, i bambini soddisfatti si sono avvicinati sotto il palco per vedere da vicino e applaudire i loro beniamini, ossia Elsa, Olaf e tanti altri ancora. Ma tutto è precipitato quando il direttore Giacomo Loprieno ha preso il microfono in mano e senza nessuna logica ha pronunciato quella frase 'assurda'.

I migliori video del giorno

E dopo aver creato stupore e disgusto in sala ha poggiato il microfono lasciando il palco.

Dopo lo spettacolo, l'organizzazione attraverso una nota ha fatto sapere di essere rimasta sconcertata e di dissociarsi completamente a ciò che ha detto Loprieno. Il loro scopo era quello di portare armonia e allegria ai più piccoli facendoli sognare con le storie dei loro beniamini. Inoltre, fanno sapere che prenderanno dei provvedimenti opportuni in modo da condannare il gesto.