È stata diffusa poche ore fa la notizia della morte dell’attore #Tomas Milian, conosciuto in Italia e in tutto il mondo per i due personaggi dell’ispettore Nico Giraldi e del mitico #Er Monnezza. L’attore, che si è spento nella sua casa di miami, aveva da poco compiuto 84 anni.

Le volontà di Tomas Milian

Il decesso è avvenuto a causa di un ictus e l’attore è stato ritrovato senza vita nella sua abitazione.

Pubblicità
Pubblicità

Proprio qualche tempo fa aveva confidato alla sua amica Monica Cattaneo di voler ritornare presto a Roma, per passare nella città che lo ha adottato gli ultimi anni della sua esistenza. Non si hanno notizie circa i funerali dell’attore, il quale aveva espresso il desiderio di essere cremato. Tomas Milian non stava male, tanto che pochissimi giorni fa aveva annunciato il suo ritorno in Spagna per il Festival Western d’Almeria, che si sarebbe tenuto dal 11 al 14 ottobre di quest’anno.

Pubblicità

I suoi ultimi impegni

Negli ultimi 20 anni l’attore ha preso parte ad alcuni film diretti da registi come Steven #Spielberg, Andy Garcia, Steven Soderbergh e James Gray. Nel 2012 ha curato, insieme a Giuseppe Ferrara, la sceneggiatura della mini-Serie TV “Roma nuda”, alla quale prende parte vestendo i panni di un poliziotto. Il 2014 è un anno fortunato per l'attore, che viene premiato da Marco Muller che gli consegna il premio alla carriera Marc'Aurelio come attore ‘adottivo’ della città di Roma.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie TV

Sempre nell’arco di quest’anno, Milian ritorna sullo schermo rivestendo i panni di spettatore e narratore nel documentario “The cuban Hamlet- Storia di Tomas Milian” diretto da Giuseppe Sansonna che lo riporta, dopo quasi 60 anni di lontananza, nella sua natia Cuba.

La carriera

Tomas Milian ha cominciato fin da giovanissimo la carriera artistica: ha calcato i palcoscenici di Broadway dal 1957 e due anni più tardi partì per trovare fortuna oltreoceano.

Approdò in Italia e venne scelto dal regista Bolognini per il film “La notte brava”, ma il successo arrivò negli anni '60, quando collaborò con registi come Lattuada, Zurlini, #Visconti e persino #Pasolini. Fu consacrato come stella del cinema italiano nel decennio successivo, grazie ai ruoli da lui interpretati nei film polizieschi all’italiana, che lo renderanno immortale attraverso le generazioni, grazie a personaggi come Er Monnezza.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto