2

In vigore dal luglio del 2014, su proposta del ministro dei beni culturali Dario Franceschini, questa giornata viene riproposta ogni prima domenica del mese e conta sempre milioni di aderenti. Si tratta di una giornata di festa, all'insegna della cultura e delle belle arti. I musei di tutta Italia e tutte le zone archeologiche saranno "free entry" per garantire alla popolazione la conoscenza delle bellezze del nostro Paese, che è un mix di storia e cultura e che, purtroppo, non tutti conoscono. L'elenco delle aree visitabile, dei musei, dei parchi archeologici è presente nel sito del ministero dei beni culturali (www.beniculturali.it).

Chi aderirà all'iniziativa?

Non solo le grandi città aderiranno all'iniziativa, ma ogni centro culturale.

All'interno del sito troverete indirizzi, recapiti e orari per non trovare lunghe file. Si consiglia sempre di chiamare prima di recarvisi per evitare di trovare il polo culturale chiuso. Roma, la nostra capitale e uno dei più ricchi ed importanti centri culturali al mondo, registra per ognuna di queste giornate picchi di visitatori, provenienti da ogni parte d'Italia e del globo. Tra i siti più visitati abbiamo: Anfiteatro Flavio, Ara pacis, Museo Giacomo Manzù, Antiquarium e Area archeologica di Lucus Feroniae, Museo nazionale archeologico Cerite, Necropoli della Banditaccia, Museo archeologico nazionale di Civitavecchia, Terme Taurine o di Traiano, Parco archeologico di Ostia antica, Area archeologica del Porto di Traiano, Necropoli di Porto - Isola sacra, Abbazia greca di San Nilo, Villa di Orazio, Villa Adriana e Villa d’Este - Villa d’Este...e molti altri dei quali troverete info sul sito del Ministero.

I migliori video del giorno

Oggi 2 aprile musei gratis, ma il meteo dà brutte notizie

Pecca di oggi è il meteo,alquanto incerto, che prevede alternanza di sole e piovaschi sparsi in tutta Italia, che sicuramente rallenta un po' l'affluenza, ma che non impedisce, ai temerari di immergersi nella cultura e nell'arte. Bisogna sicuramente approfittare di queste giornate, specie in questo periodo in cui si tende per lo più a recarsi all'estero, a visitare terre nuove, trascurando la nostra amata Patria, terra ricca di siti archeologici, antica e pullulante di storia. Storia che dovremmo conoscere e magnificare sempre.