Anche quest'anno il New York Times ha pubblicato la top ten delle dieci migliori performance cinematografiche. Un’abitudine che il famoso giornale celebra con la produzione di dieci corti, da circa un minuto ciascuno, con protagonisti proprio gli attori selezionati dai critici A.O. Scott e Wesley Morris. E se nel 2016 il tema scelto è stato il genere noir, quest’anno non poteva che essere l’horror.

Il 2017 è stato infatti segnato da film come il remake di “It”, “Split”, “Auguri per la tua morte” e molti altri, con un incasso nel mondo di un miliardo di dollari. Senza dimenticare “Get Out - Scappa”, film che si è rivelato una vera sorpresa e che ha dato diritto a Daniel Kaluuya di rientrare proprio in questa classifica.

La Top Ten

  • nicole kidman in “L’inganno” e “The The Killing of a Sacred Deer”. Perché, come scrive Scott: “Porta quel suo lato dolce, infondendo alle pellicole una vitalità che altrimenti mancherebbe”.
  • Daniel Kaluuya in “Get Out - Scappa”, dove il risveglio del protagonista da una fantasia letale è la chiave dell’intera storia e la performance “reattiva e in punta di piedi” dell’attore è la chiave di tutto.
  • Tiffany Haddish in “Girls Trip”. Morris scrive: “Fa inchinare le parole davanti a sé. È così carismatica, così viva”.
  • Jake Gyllenhaal in “Stronger”. Nell’interpretare un uomo che ha perso le gambe durante l’attentato alla maratona di Boston, Gyllenhaal “non recita soltanto, ma scompare dentro il personaggio”.
  • Daniela Vega in “A Fantastic Woman”, dove l’attrice transgender mette in scena “una recitazione realista, di stampo europeo. Attraversa il film come potrebbe affrontare una giornata di vita vera”.
  • Brooklynn Prince in “The Florida Project”. La giovanissima attrice (solo 7 anni) offre una performance piena di sfumature con la leggerezza di chi sembra solo giocare.
  • Timothée Chalamet in “Call Me by Your Name”. Nel film di Luca Guadagnino, che racconta l’amore omosessuale tra due giovani, Chalamet è "un virtuoso della recitazione", come il suo protagonista lo è della musica.
  • Andy Serkis in “The War - Il pianeta delle scimmie”. Attore abituato agli effetti speciali (è stato, per Peter Jackson, Gollum ne “Il Signore degli Anelli” e King Kong) torna a interpretare Cesare, il presidente delle scimmie, performance per cui “non sarà mai sufficientemente lodato per la grazia e la solennità”.
  • Cynthia Nixon in “A quiet passion”. Per interpretare Emily Dickinson, Nixon filtra il personaggio attraverso l’oscurità, portando la voce e il corpo a “vibrare a una frequenza più alta”.
  • Saoirse Ronan in “Lady Bird”. Nel film che ha battuto ogni record di recensioni positive su Rotten Tomatoes, la Ronan prova di “essere capace di tutto facendo una cosa che potrebbe sembrare facile: interpretare una studentessa americana”. D’altronde, secondo Scott, già da ragazzina aveva “disciplina e versatilità degne di Meryl Streep”.

I corti

A dirigere è Floria Sigismondi, italiana naturalizzata canadese nota come regista di video musicali per Katy Perry, Christina Aguilera, David Bowie, Björk e altri. I corti del New York Times riprendono tutti gli archetipi del genere horror.

Ecco che Vega diventa un vampiro, Chalamet un cannibale, Ronan un manichino, Prince un demone bambino. Serkis invece interpreta un clown folle, Nixon una sposa fantasma, Kaluuya un killer psicopatico, Haddish una macabra ballerina. Infine, Gyllenhaal è un uomo dannato e Nicole Kidman una casalinga posseduta.

Ecco alcuni di questi corti. Il resto potete vederlo sul sito del New York Times.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto