I recenti atti di bullismo che hanno portato alla ribalta delle cronache nazionali la città di Lucca ed il sistema scolastico tutto hanno fatto sentire la necessità ad un gruppo di insegnanti del Polo Fermi-Giorgi di creare un’occasione di riflessione da parte dei ragazzi. È nato così, qualche mese fa, 'Login-Connessioni umane' (ti conosco-mi riconosco) portato avanti dai docenti Elena Giannotti, Beniamina Callipari, Simona Russo, Edualdo Gini, Giovanna Lazzurri e Paola Noviello, allo scopo ben preciso di mettere al centro gli individui e la loro capacità di relazionarsi in maniera positiva e collaborativa con gli altri, di comunicare le proprie emozioni, divergendo dagli atteggiamenti aggressivi e d’indifferenza che la società odierna quotidianamente ci ripropone, in una spirale di solitudine che inevitabilmente ne scaturisce e conduce molto spesso a gesti sconsiderati.

Login: il progetto

Il progetto, presentato a ottobre, era partito con l’idea di valorizzare i talenti del Polo; più avanti, alla luce degli eventi accaduti all’ITC Carrara, si è tramutato in un concorso 'portatore' di un messaggio positivo in risposta ai messaggi negativi passati in diretta Tv e in rete. I ragazzi, dal momento della pubblicazione del bando, hanno avuto due settimane di tempo per creare elaborati (brani, video, foto, disegni, canzoni) in linea col tema richiesto.

Gli allievi hanno aderito con grande entusiasmo all’iniziativa, proponendo lavori originali, creativi e pertinenti all’argomento suggerito. Dopo un’accurata selezione da parte della giuria, presieduta dalla prof.ssa Marina Pisani, referente Bes del Polo Fermi-Giorgi, sono stati decretati i vincitori per ogni categoria. In virtù della mole di elaborati pervenuti, soprattutto nella sezione artistico-espressiva, è stata decisa un’ulteriore suddivisione di categorie: sezione foto/disegni e sezione video.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

Cerimonia di premiazione

Nella splendida cornice dell’auditorium di San Micheletto, si è svolta la cerimonia di premiazione, alla presenza di Ilaria Vietina, assessore del comune di Lucca con delega a politiche formative, di genere e continuità della memoria storica, Rossana Sebastiani, dirigente del servizio politiche giovanili, sociali e sportive, politiche di genere della provincia di Lucca, Giulia Cordella, coordinatrice Scolare della Piana di Lucca, Andrea Bonturi, presidente del consiglio d’Istituto ‘Fermi-Giorgi’, Massimo Fontanelli, dirigente scolastico del Polo.

Dopo una breve presentazione del progetto al pubblico in sala, studenti, docenti, giornalisti e genitori, l’attenzione si è spostata sui ragazzi, i veri protagonisti di questo concorso: tanti i partecipanti dai vari indirizzi di studio del Polo, ognuno col proprio bagaglio di emozioni trasmesso in ogni singolo elaborato, testi letterari, canzoni, brani strumentali, video, foto e disegni nati dalla creatività dei concorrenti che, con grande sentimento di condivisione, hanno esternato il loro mondo interiore ed esplicato il loro personale senso della vita.

I vincitori

Per la sezione letteraria ha ottenuto il primo premio Matteo Luciano, giovane studente al quarto anno di studi col suo saggio: ‘Queste 30 righe, Luca, sono per te’. La giuria ha così motivato la scelta: 'Emerge un grande sentimento di condivisione e vicinanza nei confronti di una persona cara: sentire il dolore altrui come se fosse il proprio rappresenta la più alta forma di empatia.' Al secondo posto il testo ‘Spegni il telefono e accendi la testa’ di un anonimo studente di classe seconda che la giuria ha così definito: 'Molto attuale e d’impatto.

Linguaggio moderno e diretto. Riflessione profonda e importante sulla mancanza di connessioni emotive nella nostra società.' Al terzo posto si è classificato Manuel Mattutini, alunno di classe quinta, che ha ricevuto questo giudizio: 'Testo di grande livello letterario, emerge una ricchezza di metafore in una riflessione profonda e di grande attualità.'

Per la sezione video si è classificato al primo posto l’elaborato ‘L’amicizia è negli occhi di chi sa guardare’ degli allievi Simone Maffei, Nisal Deneth Sashika Warnakula Patabedege, Alessio Giasolli, di classe quinta, così motivato: 'Abbiamo occhi per guardare e cervello per giudicare e poi c’è il cuore che fa sempre la scelta giusta e ci aiuta ad andare oltre il visibile.' In seconda posizione, il video ‘Per connettersi basta un sorriso' degli alunni di classe seconda Edoardo Marchi, Kostandin Golemi, Marco Moriconi, Giacomo Santini, Manuel Giuliano, con la seguente motivazione: 'Il telefonino ci collega al mondo intero, ma ci disconnette dall’umanità. A volte, però, basta il sorriso ed il cenno di un amico e ci ricolleghiamo subito alla vita reale.' In terza posizione ‘Ora basta’ degli alunni di un’altra classe seconda: Mirko Guazzelli, Alessandro Ciuffi, Raffaele Colella, Cristian Tambellini, Mattia Bonetti, Iacob Ionut, Niccolò Pucci, Gabriele Riccardi, Emanuele Liotta, Marco Giacomelli che hanno ricevuto il seguente giudizio: 'Bel messaggio di condivisione, vicinanza e ribellione alle brutture e all’aggressività che la società odierna ci impone. Insieme, però, è possibile dire: Ora basta!'

Per la sezione foto-disegni, primo premio ad Alessia Capitanu, studentessa di classe terza, con la foto ‘Amicizia’ e la seguente motivazione: 'Immagine e didascalia molto intense. L’amicizia è più forte di tutto, anche delle barriere che il mondo, spesso, ci impone. Non dobbiamo avere paura di superarle insieme.' Seconda posizione per ‘Oltre la copertina” di Massimiliano D’Arca, di classe quinta che la giuria ha così definito: ‘Immagine emblematica della tendenza, troppo spesso diffusa, di giudicare dalle apparenze, ma spesso, oltre la copertina c’è tutto un mondo da scoprire’. Terza posizione per Iris Martini e Giulia Giannasi col loro disegno ‘Macchiati di colore’, così motivato: 'Immagine significativa che rispecchia la nostra società, spesso priva dei colori delle emozioni e della vicinanza. Il messaggio è chiaro, non abbiate paura dell’arcobaleno, uscite dal vostro grigiore.'

Per la sezione musicale il primo premio è andato ad Alessio Giorgi, alunno di classe terza con la sua “Specchio Riflesso”, cantata e suonata dal vivo che la giuria ha così definito: 'Riflettersi nell’altro, rispecchiarsi nelle sue paure, farle proprie e insieme provare a superarle. È questa la chiave di ogni connessione umana.' Seconda posizione per ‘Blowin' in the wind’, cover di Bob Dylan, reinterpretata dai gemelli Kevin e Gabriel Froli, di classe seconda, così motivata dalla giuria: 'Le risposte sono nel vento, diceva Bob Dylan, autore di questo splendido brano, ma sono anche nei vostri occhi e nella vostra passione. Emerge una grande abilità canora e strumentale.' Terzo posto a Leonardo Rossi, alunno di classe prima, con il suo brano strumentale al pianoforte ‘Reworking love’, con la seguente motivazione: 'Brano strumentale di grande intensità, nonché eccezionale abilità tecnica. L’amore è sempre il motore che muove il mondo.'

Mettere in moto le emozioni

Molto intensi e meritevoli anche gli altri lavori presentati, tra gli altri ‘Rapporti umani prima e dopo’ di alcuni alunni di classe quinta, ‘Incroci’ di un altro gruppo di alunni all’ultimo anno di studi, nonché tutti gli altri elaborati in concorso. L’obiettivo prefissato da ‘Login’ è stato pienamente raggiunto dai giovani allievi del Polo Fermi-Giorgi: accedere all’altro e regalare un po’ del proprio mondo a chi ci è accanto; i ragazzi di oggi hanno tanto da dire, a volte c’è solo che qualcuno che glielo ricordi, qualcuno che riaccenda il fuoco che hanno dentro e dia motore alle loro emozioni.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto