Importanti novità per quanto riguarda i Pearl Jam. L'emergenza sanitaria che si sta vivendo in tutto il mondo non può non coinvolgere anche il settore dei concerti e della musica e così la band di Seattle ha comunicato che gli show previsti per il mese di marzo e aprile saranno posticipati a data da destinarsi.

Con un lungo comunicato pubblicato su Facebook la band di Eddie Vedder si scusa per questa decisione ma assicura che lo fa in primis per tutelare la sicurezza e il benessere dei fan. La band aveva in programma ben 17 concerti tra Canada e Stati Uniti dal 18 marzo fino al prossimo 19 aprile.

Per il momento resta incertezza anche sul tour europeo.

I Pearl Jam hanno deciso di rinviare il tour

"Come abitanti della città di Seattle, siamo stati colpiti duramente e abbiamo visto personalmente quanto velocemente queste situazioni possono degenerare". Così inizia il lungo comunicato dei Pearl Jam su Facebook. L'emergenza sanitaria che si sta vivendo in tutto il mondo scuote anche una delle band simbolo del grunge.

La band racconta come la situazione è pesante a seguito della chiusura di scuole, università ed uffici e potrebbe anche peggiorare nei prossimi giorni: "Quindi ci hanno detto che partecipare ai grossi raduni è in cima alla lista delle cose da evitare: questa crisi sanitaria globale sta incominciando a influenzare tutte le nostre vite".

E per loro in questo momento non è ideale partire per un tour, visto che la "massima priorità è la sicurezza e il benessere dei fan".

I Pearl Jam: 'il viaggio è qualcosa da evitare'

I Pearl Jam, nonostante le grandi energie spese per organizzare la prossima tournée, fanno sapere che non possono non rinviare il tour nordamericano in programma finora. "Abbiamo lavorato duramente insieme a tutti nostri collaboratori per cercare delle soluzioni alternative, ma era veramente alto il rischio per il nostro pubblico e per le loro comunità".

Spendono grandi parole di affetto per tutti i loro supporter ma a loro avviso, considerato il particolare momento, "il viaggio è qualcosa da evitare". E considerato che non ci sono messaggi chiari da parte delle autorità sanitarie statunitensi, i Pearl Jam sono scettici sul fatto che l'attuale situazione possa migliorare. E visto il momento anche altre storiche band potrebbero adottare situazioni simili in vista dei loro tour.

Pearl Jam: 'una situazione che non vorremmo augurare a nessuno'

La situazione negli Stati Uniti non è facile e nemmeno a Seattle, la città della band: "Stiamo assistendo ad una situazione che non vorremmo augurare a nessuno", continua così il comunicato dei Pearl Jam. Alla band sta a cuore lanciare un messaggio a tutta la comunità, affinché le persone si faccia forza e si prendano curo l'uno dell'altro.

La band però, nonostante il grande dispiacere, non vede l'ora di poter esibirsi in tournée: "Non vediamo l'ora che arrivino i nostri prossimi show".

Incertezza sul tour dei Pearl Jam

La data zero del nuovo tour dei Pearl Jam avrebbe dovuto tenersi il 18 marzo a Toronto in Canada.

Ancora non si conoscono i tempi di recupero per il tour nordamericano: sicuramente però l'incertezza che domina a causa dell'emergenza sanitaria non può che ripercuotersi su tutti gli aspetti della vita di un musicista.

La band di Eddie Vedder per ora non accenna minimamente al tour europeo. La data zero è prevista a Francoforte per il 23 giugno. Grandissima è l'attesa dei fan italiani che potranno vedere la loro band il prossimo 5 luglio, all'Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola. Bisognerà ancora aspettare per saperne di più, così come per i principali Concerti e music festival previsti per i prossimi mesi.

Segui la nostra pagina Facebook!