5 migliori artisti da non perdere all'Arte Fiera 2022: il fotografo olandese Erwin Olaf

migliori artisti da non perdere all'Arte Fiera 2022: il fotografo olandese Erwin Olaf
migliori artisti da non perdere all'Arte Fiera 2022: il fotografo olandese Erwin Olaf

Cinque artisti assolutamente da vedere all'Arte Fiera 2022 di Bologna: da Erwin Olaf della galleria Paci contemporary a Nicolò Quirico

Non perdere le ultime news
Clicca sull’argomento che ti interessa per seguirlo. Ti terremo aggiornato con le news da non perdere.
Clicca e guarda il video
L'oroscopo del 29 giugno: Luna in supporto al Toro, Leone agitato

Domenica 15 maggio 2022 è l'ultimo giorno dell'Arte Fiera 2022, il più longevo evento d'arte italiana che si svolge a Bologna Fiere. Terza edizione sotto la direzione artistica di Simone Mengoi, la kermesse ospita 142 gallerie d'arte italiana e straniera: 103 nella Main Section e 39 nelle tre sezioni curate e su invito, Focus riservata all’arte moderna e del dopoguerra storicizzato (7 gallerie), Pittura XXI (18 gallerie), Fotografia e immagini in movimento (14 gallerie). La precisa selezione gallerie spinge gli espositori a presentare un limitato numero di artisti. Quali sono gli artisti assolutamente da non perdere l'ultimo giorno della quarantacinquesima edizione della kermesse? Di seguito riportiamo cinque nomi interessanti da tenere d'occhio.

1

Erwin Olaf della gallerina Paci contemporary di Brescia

Nato a Hilversum, Olaf è uno dei fotografi più apprezzati della scena d'arte contemporanea e della moderna fotografia di ritratto. Noto per le sue mise en scene e le sue composizioni teatrali, Olaf mescola nei suoi scatti narrazioni drammatiche e atmosfere affascinanti. Tra le sue opere che lo fecero emergere, c'è Chaserman, serie con cui vinse il premio al concorso Young European. Realizzò sia capolavori in bianco e nero e sia a colori come Berlin.

2

Cristina Nunez della MLB Gallery di Ferrara

Artista riconosciuta a livello mondiale come la maggior esponente dell’autoritratto fotografico come terapia per analizzare il proprio inconscio. Dal 2005 Nuñez ha sperimentato questa modalità su altre persone: sono nati così i ritratti di Higher Self, autoritratti che le persone hanno prodotto durante i suoi workshop nelle accademie, nelle scuole, nelle carceri, nei centri di salute mentale e nelle aziende, che si possono contemplare in fiera.