Domenica 26 gennaio dalle ore 12 alle ore 18 in piazza San Babila, nel pieno centro di Milano, ci sarà un gran movimento. Difatti i produttori, i commercianti e i consumatori di sigarette elettroniche si ritroveranno davanti al Teatro Nuovo per manifestare contro l'apposizione di un'imposta di consumo del 58,5% su ogni prodotto che è venduto nei negozi di sigarette elettroniche.

Dopo i ricorsi al Tar del Lazio da parte dei rappresentanti dei produttori e dei commercianti di cui si è già parlato e dopo una serie di iniziative di tipo politico che hanno visto i parlamentari di diversi partiti presentare emendamenti e prendere le difese del settore delle sigarette elettroniche, gli svapatori hanno pensato a questa manifestazione, durante la quale saranno regalati diversi flaconi di liquidi per sigaretta elettronica messi a disposizione gratuitamente dai produttori italiani.

Su Facebook è apparso immediatamente un evento chiamato Svapo Day, che riguarda l'iniziativa e cui risultano invitate, sin dalle prime ore, più di 11 mila persone. In Puglia stanno organizzando pullman di consumatori e commercianti che arriveranno a Milano per la manifestazione contro la tassa, che, se non sarà abolita, azzererà uno dei pochi settori economici in crescita del paese.

Nella sola Lombardia il settore delle sigarette elettroniche impegna 400 negozi di cui la metà in franchising e 40 aziende e parecchie migliaia di lavoratori, la maggior parte dei quali sono giovani che hanno perso il lavoro negli ultimi anni e hanno investito le liquidazioni e i pochi risparmi nell'apertura di negozi di sigarette elettroniche. 

La Lombardia non è comunque al primo posto come fatturato di settore.

Questo primato tocca al Piemonte con Torino, mentre il Veneto si trova nei posti subito seguenti. Non mancano neppure le regioni del sud: la Puglia infatti è stata la regione con la maggior crescita di fatturato del settore delle sigarette elettroniche.

La manifestazione continuerà anche lunedì 27 gennaio dalle 12 alle 13, a Milano, davanti alla sede dell'AMS. 

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto