Sta per entrare in vigore il nuovo "Decreto 0-6" ovvero un bonus per le famiglie italiane di 150 euro, come aiuto per pagare la retta del nido. Un voucher erogato per le famiglie, con entrambi i genitori lavoratori, e aventi figli frequentanti l'asilo nido.

Il Decreto 0-6

Il voucher di 150 euro sarà un aiuto per il pagamento della retta mensile dell'asilo nido che il bambino sta frequentando. Si potrà utilizzare in tutti gli asili nido comunali o in quelli accreditati per farlo (tra i convenzionati con il Comune).

Potranno fare domanda tutti i genitori lavoratori sia per aziende pubbliche che private e il buono sarà completamente esentasse. Il nuovo decreto nasce con lo scopo di incentivare il lavoro femminile e come aiuto per le famiglie con entrambi i genitori lavoratori e, se si trovano in situazioni economiche di difficoltà, con la nuova normativa gli asili comunali potranno attuare delle tariffe mensili agevolate e nei casi più gravi, esentare i genitori dal pagamento della mensilità.

L'azienda per cui si lavora, potrà comunque ergogarvi un bonus superiore al valore dei 150 euro previsti dalla legge, ma ricordate che verrà tassata la cifra superiore alla soglia, ad esempio per un valore di 180 euro di bonus, vi verranno applicate le tasse sui 30 euro mensili in più.

E' compatibile con il Bonus Nido 2017?

Non sappiamo se sarà compatibile con il bonus nido 2017 (voucher del valore massimo di 1000 euro l'anno), ma molto probabilmente non lo sarà con quello dei voucher baby-sitter ed asilo nido visto che, secondo la legge, pagare la baby sitter o la retta del nido sono due aiuti riconosciuti dallo Stato al posto della fruizione del congedo parentale.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni Serie TV

Ricordiamo che il contributo dell'Inps per la retta nido, verrà erogato direttamente alla struttura che si è scelta mentre per quanto riguarda il voucher baby-sitter (sempre a carico dell'Inps), sarà la madre lavoratrice a doverne fare richiesta per poi pagarci la collaboratrice scelta attraverso un elenco di baby-sitter iscritte alla lista per la fruizione dei voucher.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto