Una buona notizia per tutti i consumatori che hanno un contratto telefonico, cioè praticamente tutti gli italiani. Nonostante la delibera dell'AgCom 121/17/CONS, che vietava l'emissione di fatture ogni 4 settimane, i gestori hanno continuato a fatturare in barba ai divieti. Ma adesso il governo ha detto basta. Nella prossima legge di bilancio è prevista infatti una voce voluta dal Pd che vieta di fatto questo sistema e rende obbligatori i rimborsi. Vediamo tutto.

Il primo passo: la delibera del garante delle comunicazioni

Nel 2015 gli operatori telefonici hanno introdotto una curiosità novità, a svantaggio dell'abbonato.

La fatturazione a 28 giorni. In questo modo hanno creato una particolarità, e cioè un anno di 13 mesi. Il costo per ogni singolo utente è cambiato, perché di fatto l'abbonato in questo modo paga di più. I costi per tutti gli abbonati hanno naturalmente fatto lievitare i guadagni delle compagnie telefoniche. Il garante delle comunicazioni, nel marzo 2017, con la delibera 121/17/CONS aveva stabilito che la fatturazione doveva essere mensile sui contratti di telefonia fissa, Adsl e fibra. Tuttavia le compagnie telefoniche hanno ignorato tale delibera.

Le compagnie telefoniche mettono in bilancio le multe?

Com'è possibile che i gestori telefonici abbiano ignorato i dettami dell'autorità per le telecomunicazioni? Semplice, per un mero calcolo di fatturato. In sostanza: cosa ci costa di più, rimettere le fatture mensili o pagare una multa? Pagare la multa forse, tanto che si può ipotizzare che le compagnie telefoniche mettano a bilancio la voce multe.

La legge di bilancio e i rimborsi obbligatori

Ed ecco allora la buona notizia: nella legge di bilancio discussa a fine mese, entrerà probabilmente una proposta voluta dal Pd che renderà illegale la pratica della fatturazione a 28 giorni.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Bollette

Il fatturato delle compagnie telefoniche ha avuto, con questo piccolo trucco, un aumento quasi del 9%, cosa che cambierà se la legge verrà approvata. Ogni società che stipulerà un contratto con i consumatori sottoposto alle regole dell'autorità, dovrà ritornare al mese solare. Altra buona notizia: se le compagnie non ottempereranno alla legge, vedranno comminate multe salate, il doppio di quelle attuali. Inoltre tutti i consumatori che hanno pagato Bollette a 28 giorni dovranno essere risarciti.

Seguiremo attentamente la notizia.

Se vuoi rimanere aggiornato sulle novità che riguardano le bollette e i tuoi diritti, iscriviti al canale. E se ti è piaciuto l'articolo vota con le stelle e lascia un commento. Ci aiuterai a far sentire di più la nostra voce.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto