Costruito lungo l'argine del fiume Sava, il piano di sviluppo di Belgrado Waterfront dovrebbe essere uno dei più grandi progetti di costruzione della penisola balcanica che si sia mai visto. Riguarderà 6,5 milioni di metri quadrati e ospiterà 17.000 persone in appartamenti di lusso, per i quali le vendite off-plan sono già iniziate il mese scorso. Una schiera di alberghi e centri commerciali affiancheranno un piccolo lembo di parco centrato sul più alto grattacielo della penisola.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Lega Nord

Niente di tutto questo sarà a buon mercato. Infatti, un fresco bottino di 3,6 miliardi di dollari dagli Emirati Arabi sarò impiegato nella costruzione, prevista per l'inizio di questa estate.

Tale investimento dovrebbe essere accompagnato da un notevole apporto di liquidità dalla città (forse fino a un miliardo di dollari) per fornire le infrastrutture necessarie. Il piano sicuramente significherà nuove offerte per Belgrado, quindi potrebbe essere una sorpresa per molti disoccupati.

In Serbia, però, odiano il progetto. Anzi, quando si tratta di alcune reazioni, odio è una parola debole. Per l'Accademia serba di Architettura, il piano è "brutto e assemblato, professionalmente inaccettabile e irreparabile". La rete internazionale per la ricerca e azione urbana ha definito "banale e di esclusione", sottolineando l'enorme rischio finanziario per un singolo sviluppatore con un progetto così grande. Per quanto riguarda il processo in sé, l'ONG Transparency Serbia si esprime così: "Fino ad oggi, nessun esperto credibile ha fatto un passo in avanti per interpretare e sostenere l'idea di Belgrado Waterfront, al contrario, questo è fatto da persone anonime su ordini provenienti da strutture politiche o dall'estero."

Altre accuse dicono che il progetto non avrà competitori e che i cittadini sono stati costantemente tenuti all'oscuro.

I migliori video del giorno

C'è preoccupazione riguardo il mantenimento insostenibile della costruzione, perché il piano (che comprende garage sotterranei) non prende in considerazione le inondazioni e quindi il rischio di stagnamento d'acqua sotterranea. Inoltre la legittimità del piano è stata portata al Parlamento serbo, infatti il mese scorso è stata adottata una legge speciale per la concessione di poteri di acquisto obbligatori che non fanno che ingrassare ulteriormente le ruote del progetto. Molti blogger on-line dicono che non sanno nemmeno chi abbia progettato la cosa.

In realtà ci può essere qualche verità a tutte queste preoccupazioni. Nessun processo di progettazione competitiva sembra aver avuto luogo, un'omissione sorprendente data la portata del progetto. E mentre ci sono nomi collegati ad alcuni progetti di costruzione, i nomi dei progettisti del piano maestro attuale non compaiono nella documentazione pubblica di sviluppo di Eagle Hills ad Abu Dhabi. Nelle email, un portavoce di Eagle Hills ha risposto a CityLab che il piano è stato creato dalla società di design internazionale RTKL, ma il progetto non è elencato sul sito web di RTKL, e tale impresa non avrebbe confermato né smentito il loro coinvolgimento a cityLAB.

Forse questo non è l'occultamento, ma difficilmente si può chiamare trasparenza.