2

Francia e Russia si sono accordate per la rescissione del contratto per la fornitura delle due portaelicotteri del tipo "Mistral". L'accordo raggiunto al telefono il presidente francese François Hollande e il Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin che la Francia si terrà le due portaelicotteri e la Russia si vedrà restituire l'acconto di 1,2 miliardi di euro e gli strumenti di comunicazione installati sulle navi. Il Cremlino ha comunicato di aver già ricevuto l'accredito della somma chiudendo così una lunga diatriba che si era aperta nel Novembre del 2014.

La storia

Il contratto per la fornitura di due portaelicotteri classe «Mistral», per un valore di 1,2 miliardi di euro, era stato sottoscritto tra la francese DCNS/STX e la Rosoboronekportom nel 2011.

Le due navi, con il nome «Vladivostok» e «Sevastopol» dovevano essere costruite presso i cantieri francesi di Brest. L'accordo raggiunto era stato all'epoca salutato come una nuova era di collaborazione fra i due Paesi in campo militare e prevedeva anche la successiva costruzione di due navi simile sul territorio Russo.

La Francia doveva consegnare la prima nave «Vladivostok» nel mese di novembre dello scorso anno, tuttavia, a causa degli avvenimenti in Ucraina, questo non è avvenuto. A seguito delle sanzioni imposte alla Russia è infatti impossibilitata la fornitura di armamenti da parte di Paesi dell'Unione Europea.

Da quel momento, si sono aperti dei lunghi negoziati che solo questa settimana hanno visto la loro conclusione.

Le navi classe Mistral

Queste navi sono il gioiello dell'industria bellica francese.

I migliori video del giorno

Entrate in servizio per la prima volta nel 2006 ad oggi queste navi sono usate solamente dalla Marina Francese che ne possiede tre con i nomi: Mistral (varata nel 2006), Tonnerre (varata nel 2007) e Dixmude (varate nel 2012). Le navi hanno un tonnellaggio di 16 500 ton (vuote) e 21 300 ton a pieno carico ed una lunghezza di 199 metri. 

Le navi si classificano come "portaelicotteri" ed hanno una capacità di carico da 16 fino a 35 elicotteri a secondo della tipologia. Le navi possono anche ospitare mezzi anfibi e da sbarco (fino a 70). Le navi possono poi ospitare sistemi di difesa e di attacco missilistico.

Le navi viaggiano fino ad una velocità di 18,8 nodi ed hanno quasi 20.000 km di autonomia e studiate per poter navigare per 30 giorni senza sosta.