Il servizio di prestito Social Lender ha trovato un metodo molto originale per la concessione dei prestiti, ben adattato ai nostri tempi di, osiamo dirlo, “social maniacs”.Con il fallimento dell'attività bancaria tradizionale in Africa dove 80% del continente, cioè 1,2 miliardi di persone non hanno un conto in banca o accesso ai servizi finanziari formali, i cellulari e i servizi basati sul web stanno intensificando per colmare il divario.

Uno dei problemi che devono affrontare l'istituti di credito è che, in particolare nelle zone rurali, è quasi impossibile ottenere dati adeguati sulle persone. Quindi, i cellulari e l'attività su web stanno dimostrando modi utili di raccolta di essi. Dopo la storia di M- Pesa, la piattaforma di mobile banking di grande successo lanciata in Kenya e Tanzania nel 2007, Social Lender, un servizio di prestito sociale sviluppato dalla società IT Lagos- based, BinCom in Nigeria guarda i profili social media dei mutuatari per valutare la loro affidabilità creditizia.

In poche parole, gli utenti con accesso limitato a un credito formale, possono prendere prestiti agevolati in base alla loro reputazione sociale.

Ma come potrebbe funzionare una piattaforma di determinare la reputazione sociale? E cos'è in fin dei conti la reputazione sociale? Secondo la società BinCom, "un algoritmo proprio e un software da noi sviluppato valutano il profilo sociale in base a diversi parametri predefiniti .

L'algoritmo estrae le informazioni sull'utente dalla piattaforma di social media, in base al accesso concesso dal utente stesso, per generare un punteggio percentuale di reputazione sociale". Ciò che l'algoritmo esamina per capirequestareputazione include le informazioni disponibili sui profili Twitter o Facebook, la durata di attività sui social network, un'indagine fatta dal Social Credit Officer di BinCom, ulteriori garanzie sociali presentati del mutuatario e la validazione dei garanti sociali forniti.

I dati estratti dallo smartphone - quanto spendono, il tempo di trasmissione, come usano i soldi del loro portafoglio mobile - contribuiscono a dare informazioni utili sui potenziali clienti in fine di calcolare il cosiddetto "punteggio Jumo".

Finora Sterling Bank è l'unico licenziatario noto, ma BinCom intende di concedere la licenza della tecnologia anche allealtre banche che desidererebbero personalizzarla ai loro servizi.

“A lungo termine ci aspettiamo che il prodotto verrà utilizzato da ogni banca in Nigeria", ha detto Bade Adesemowo, vice-capo del gruppo BinCom. Social Lender ha attualmente più di 10.000 utenti registrati ricorrendo a prestiti fino a 10.000 Naira (£ 24) con un tasso di interesse di meno del 4%. Gli utenti possono ritirare i prestiti di denaro tramite conti bancari o mobile money. Dal suo lancio nel 2015, tre milioni di persone hanno utilizzato i servizi della società che concede fino a 50.000 prestiti al giorno eil boom di richieste continua.

"Per un micro-imprenditore che si occupa di importi di una certa cifrain dollari, una quantità simile può avere un grande impatto sulla sua capacità di acquistare azioni in modo efficace a maggiori volumi e a prezzi più bassi", è di parere Andrew Watkins-Ball, Jumo's amministratore delegato.

La crescente influenza di tali servizi in tutta l'Africa potrebbecostituire una minaccia per le banche tradizionali. Tuttavia, questo non sembra essere il caso. Gli imprenditori Fintech dicono che i loro prodottisono complementari alle banche esistenti e non una minaccia per esse. In effetti, molte banche sono diventate partner con Fintech per il lancio del programma nei paesi dell'Africa, piuttosto che competere con loro.Che sia questo il metodo del futuro per ottenere un finanziamento,nuove norme in materia di mutui? Il successo ottenuto dell'iniziativa di BinCom in Africa ci potrebbe far prendere in considerazione la possibilità. In una tale prospettiva, il nostro compito sarebbe quello di diventare sempre più attivi sui social network.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto