Poste Italiane non ha proclamato un vero e proprio bando per le assunzioni, ma opera come ogni anno un'azione di reclutamento nuovo personale atto a coprire possibili vuoti su territorio nazionale. Questo è quanto si è riusciti a stabilire dopo il giallo sulle fantomatiche assunzioni dei quasi 1400 postini portalettere. Che l'azienda perpetri le selezioni (o perlomeno raccolga curriculum per eventuali necessità) è però innegabile, e confermato anche dal fatto che numerosi siti trova-lavoro pubblichino annunci sulla possibile candidatura presso Poste Italiane. Cosa fare dunque?

Pubblicità
Pubblicità

Poste Italiane: la domanda

Per poter presentare la domanda di assunzione è necessario registrarsi al sito di Poste Italiane e aprire la sezione "Lavora con noi". Da lì la procedura risulta piuttosto semplice, bisogna immettere i propri dati personali e compilare tutte le voci in merito alle abilità conseguite e attività lavorative precedentemente svolte. Se date poi un'occhiata alla sezione "posizioni aperte", potrete riscontrare quali sono i ruoli da ricoprire all'interno dell'azienda: portalettere, addetti allo smistamento e neolaureati in ingegneria gestionale.

Poste Italiane: le regioni che potrebbero richiedere personale

La presentazione della domanda è possibile a candidati residenti in tutte le regioni d'Italia.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Offerte Di Lavoro

Tuttavia, sul portale si troverà un codice per ogni regione, che una volta inserito nell'apposita casellina, vi farà apparire le eventuali posizioni aperte nella vostra specifica regione di riferimento. Nel complesso le regioni coinvolte sono veramente tante. Troviamo la Liguria, La Lombardia, il Piemonte, la Valle D'Aosta, il Trentino Alto Adige, il Piemonte, il Veneto, la Toscana, il Friuli Venezia Giulia, il Lazio, l'Umbria, l'Abruzzo, la Sardegna e la Sicilia, ma forse in base alla posizione che vi piacerebbe occupare non c'è disponibilità nella vostra zona.

Pubblicità

Intanto si può andare a studiare un po' la situazione, e poi magari incrociamo le dita!

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto