I soldi per sbloccare il tetto salariale delle forze dell'ordine e dei militari ci sono, sono stati reperiti da tre moduli diversi, rientra quindi lo sciopero minacciato dai sindacati di Polizia e dai cocer dei militari. Nei giorni scorsi c'era stata una prima apertura del Ministro degli Interni, che disse che il Governo avrebbe trovato i fondi per uno sblocco parziale degli stipendi; niente da fare, i sindacati hanno puntato i piedi chiedendo lo sblocco totale.

Accordo trovato tra governo e sindacati per lo sblocco del tetto salariale; sindacati uniti (ad esclusione del Sap), che oggi incontrearà Silvio Berlusconi, presidente del consiglio all'epoca del primo blocco iniziato nel 2010.

Pubblicità

In questi giorni le sigle sindacali hanno effettuato un grande lavoro, fatto di tanti incontri, dall'Ncd di Alfano, a Fratelli d'Italia di Meloni e tante altri partiti, mediazioni che hanno portato a buoni frutti. La riunione con il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Luca Lotti, i ministri della Difesa Roberta Pinotti, della Giustizia Andrea Orlando, dell'Economia Pier Carlo Padoan e dell'Interno Angelino Alfano ha avuto esito positivo, sono stati trovati i soldi per sbloccare il tetto salariale delle forze dell' ordine.

Nel dettaglio 440 milioni arriveranno da fondi ministeriali, 530 milioni dal governo e 119 da fondi di perequazione, insomma una vera e propria colletta che eviterà lo sciopero delle forze dell'ordine, vera e propria novità della storia del nostro Paese, che avrebbe segnato una pagina nerissima della nostra storia, in un momento già di grande ed evidente difficoltà. Vorremo infatti rammentare gli ultimi fatti occorsi a Napoli, il crescente disagio legato all'ordine pubblico negli stadi, nelle manifestazioni di piazza, sempre più numerose e cruente, il problema legato al continuo flusso migratorio degli extracomunitari verso le coste italiane, con i relativi problemi legati, non solo all'ordine e la sicurezza, ma anche al profilo strettamente sanitario.

Pubblicità

Ora i sindacati attendono la firma del decreto che sancirà lo sblocco, ma a quanto pare la strada è segnata.