Prevista una giornata nera per venerdì 24 ottobre quando moltissimi lavoratori del settore pubblico e privato aderiranno allo sciopero indetto a gran voce dall'Unione Sindacale di Base contro le nuove politiche applicate in tema di lavoro dal Governo Renzi. Le manifestazioni si terranno in tutte le maggiori città italiane (Roma inizio alle 9:30 in piazza dell'Esquilino, a Milano alle ore 9:30 in piazza San Babila) e mireranno alla difesa dei diritti di tutti i lavoratori, alla protesta contro il nuovo Job Act e contro l'abolizione dell'articolo 18.

Pubblicità

Lo sciopero sarà certamente accolto da una gran parte del personale della scuola ma anche da quello dei mezzi di trasporto pubblico. I disagi e le conseguenze negative per gli italiani saranno così particolarmente importanti. Nella stessa giornata nera di venerdì 24 ottobre protesteranno anche dipendenti Anas, Vigili del fuoco, enti pubblici ed appartenenti al settore della Sanità; in tutti questi casi saranno assicurati solamente i servizi minimi indispensabili.

Sciopero treni e mezzi di trasporto locali venerdì 24 ottobre 2014

Lo sciopero indetto da USB toccherà ed interesserà certamente anche il settore dei trasporti pubblici e ferroviari. La prevedibile alta adesione creerà innumerevoli problemi a tutti i pendolari che dovranno così ricorrere a soluzioni d'emergenza per far fronte alle sospensioni.

Trenitalia e Trenord hanno già specificato gli orari di sciopero e le fasce garantite: stop tra le ore 9.00 e le ore 17.00 mentre rimangono assicurati i trasporti ferroviari nelle restanti fasce orarie. Problemi anche per tutti i cittadini che dovessero usufruire del servizio "Malpensa Express" di collegamento con l'aeroporto milanese; il treno infatti subirà sospensioni e ritardi e verrà sostituito da un servizio autobus. Come se non bastasse, in quasi tutte le maggiori città della nostra penisola, nella stessa giornata si assisterà anche alla sospensione dei mezzi di trasporto locali (pullman, metropolitane, tram); per maggiori informazioni consultare i siti delle singole aziende.

Pubblicità