È stata una lunga notte quella di venerdì, con il protrarsi dei lavori in Senato per ultimare le riforme in cantiere. Alle 3 si è votata la fiducia al Ddl Stabilità, ed a seguire la discussione sull'Italicum. Non è stato facile per il premier Renzi portare a casa il risultato. Il ritardo sul maxi-emendamento ha provocato la violenta reazione delle opposizioni con in testa Lega, M5S ed ultimo Fi che, prima è uscito dall'Aula e poi ha votato contro.

Manovra "blindata": ecco tutte le novità

"Abbiamo stoppato l'assalto alla diligenza e messo in cantiere la legge elettorale. Indietro non si torna": queste le prime parole del premier Renzi che esprime soddisfazione per la vittoria in Senato.

Ecco le novità della manovra:

- Bonus edilizia, credito d'imposta per lavori di recupero ed efficientamento al 50% e 65%.

- Bonus 80 euro per redditi fino a 26mila. Bonus bebè: 960 euro l'anno per figlio dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2017, con Isee inferiore a 25mila.

Raddoppia sotto i 7mila.

- Pensioni, tetto assegni più alti della liquidazione con regole prima della Fornero; niente penalità per prepensionamento.

- Canone Rai a 113,50 euro per il 2015.

- Credito d'imposta con tetto di 80 milioni per Casse previdenziali (6%) e Fondi pensione (9%), se investono in economia reale.

- Irap, taglio cuneo fiscale: deducibile tutto il costo del lavoro (aliquote 3,9%).

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni Matteo Renzi

Per soggetti privi di autonoma gestione credito d'imposta al 10%.

- Università col 30% di ordinari assumono un ricercatore ogni due professori.

- Tasi e Imu congelate nel 2015: aliquote al 2,5 per mille. Slitta local tax.

- Tfr, anticipazione in busta paga con tassazione ordinaria. Nel settore privato Tfr in busta paga dal 1 marzo 2015-30 giugno 2018. Aumentata al 17% aliquota sulla rivalutazione Tfr.

- Partite Iva: regime forfettizzato per dipendenti con reddito inferiore quello autonomo di 20mila. Aliquota della sostitutiva Irpef, Ires, Irap e Iva al 15% senza limiti di tempo.

- Province: in mobilità 20mila dipendenti dal 2017.

- Regioni, 4 miliardi di tagli e rischio tenuta "Patto della Salute": inevitabile scure su sanità (80% del bilancio).

- Enti locali: chiuse micro-società ed aziende doppione.





Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto