Le ultime dichiarazioni istituzionali, su stampa, radio e Tv, atte a tacitare le proteste legittime di migliaia di esodati, che da molti mesi protestano contro Governo ed Inps, rei di palesi ingiustizie e grave disinformazione riguardanti la concreta attuazione delle 6 leggi di salvaguardia, (per 170.000 esodati), stanno provocando un clamoroso boomerang a causa delle risposte/contestazioni degli stessi esodati.

Ma cosa pretendono ancora questi esodati?

Questo è il "pensiero istituzionale": dal governo Monti, poi Letta ed ora Renzi, stiamo legiferando per salvaguardarli dal "peccato originale" - tecnico - legge Fornero, con ben 6 salvaguardie e, stiamo approntando una settima legge per ulteriori 45.000 esodati, li abbiamo ascoltati anche in audizione alla commissione lavoro, (il comitato esodati). Il neo presidente Tito Boeri dichiara che "lavorerà" sulla povertà; ossia garantire un reddito minimo garantito a tutte le migliaia di esodati, sino al raggiungimento dell'agognato assegno pensionistico.

Con quali risorse si pensa di garantire tutto ciò?

Boeri, grande assertore del sistema contributivo, intende combattere l'ingiusto "privilegio" del sistema retributivo riequilibrando le ingiuste Pensioni percepite, sopra una determinata soglia, (3.000 / 5.000 euro?) Con prelievi "forzati", che nelle pensioni d'oro, potranno raggiungere il 45% del totale lordo. Così facendo, si recupererebbero 4,5 mld.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

di euro utili allo scopo.

Il Ministro Poletti ha dichiarato che nel formulare le leggi di salvaguardia, si è sovrastimato il fabbisogno economico, cioè "vi sono più euro che esodati"; il suo sottosegretario l'On. Luigi Bobba, confermava tale dichiarazione nella trasmissione RAI, radio anch'io del 24 u.s., precisando anche che gli esclusi della 4^ e 6^ salvaguardia, (circa 4.300 esodati, da report Inps del 20/3/2015), saranno comunque "salvati" grazie ai "vasi comunicanti.

Gli Esodati rispondono: OK, secondo voi è tutto a posto, ma per noi, niente,(di ciò che dite), è in ordine! Lo scarica - barili di responsabilità, tra politica ed Inps, riguardanti le attese bibliche per ottenere la "concreta " certificazione di diritto alla pensione non ammettono più alibi e giustificazioni, penosa, un'ultima news di giustificazione: "Lo scoglio da superare sta da un'altra parte, e cioè la Ragioneria dello stato: e voi sapete bene, che senza il parere favorevole della ragioneria, nessun provvedimento legislativo o atto amministrativo, può essere emanato".

Una domanda ci sorge spontanea: ma in questi 3 anni, queste 6 leggi dello stato non hanno avuto il parere della ragioneria dello stato? A che gioco stiamo giocando? Sulle "sofferenze ed i disagi" degli esodati!

Domani, 26.3.2015, alle ore 15.30, una delegazione della rete dei comitati degli esodati verrà ricevuta dal presidente Inps Boeri e dal suo direttore generale Cioffi. Migliaia di persone sperano ancora di non "vivere" all'interno di una tragica "barzelletta"!

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto