Dal 2012 ad oggi, (circa 3 anni), tutti i media e le cronache dei maggiori quotidiani Italiani hanno parlato e scritto degli "Esodati"; il messaggio è stato spesso "percepito" dai lettori, e dalle migliaia di esodati interessati, come un problema, generato dalla "necessaria" riforma pensionistica Monti-Fornero, a cui i vari governi in carica, temporalmente, avrebbero posto rimedio con il varo di n° 6 leggi dello stato denominate "Salvaguardie".

E sin qui, in un Paese "normale", i lettori, e gli interessati, avrebbero "plaudito" i governi succedutisi, (Monti-Letta-Renzi), i vari politici di turno, le Istituzioni interessate, (Inps, Mef, Mdl), per la risoluzione dei problemi di 170.000 famiglie, più i residui 49.500 esodati previsti nella 7^ Salvaguardia a settembre 2015. Ora vi sveliamo come la "deriva" Politico-Istituzionale-Burocratica sta "operando", a danno di tutti gli Esodati!

  • Il tradimento dei più  forti, verso i più deboli, (gli esodati & Salvaguardati), inizia ad ottobre 2014, allorché con la circ. Inps n°7463 del 6 ottobre, l'allora Direttore generale Inps, Nori, "certificava" l'esaurimento del plafond di 2.500 unità da salvaguardare, (art.11bis della L. 147/2013), quindi, secondo l'art.1, comma 193 della citata legge, andava attivata la procedura della Conferenza dei Servizi, (tavolo tecnico Mef-Inps-Mdl), quindi i c.d. "vasi comunicanti", che avrebbero permesso ai 2.355 esuberi,(regolarmente legittimati da Dtl ed Inps), della 4^ Salvaguardia, il rilascio della "certificazione Inps" e relativa pensione!"Chi ben inizia, è a metà dell'opera", così pensarono i rappresentanti di politica ed Istituzioni per architettare il prosieguo futuro ai danni di esodati & salvaguardati.
  • La beffa continua: subito dopo questo "illegittimo" fatto,  viene varata la L. 147/2014, (6^ Salvaguardia), che, nell'articolato riservato ai salvaguardati, fruitori di L.104/92 per assistenza ai propri familiari disabili, riserva un "plafond" di 1.800 posti! Incredibile.... Ma vero, a fronte di 2.355 esuberi, provenienti dalla 4^ salvaguardia, ed in attesa di nuove"istanze" in arrivo, (coloro cioè che maturavano il requisito pensionistico dal 6/1/2015 al 6/1/2016), stimate in circa 3.000 nuove domande...... Le "Istituzioni", legiferano solo 1.800 posti; come dire: continuiamo nel danneggiarvi! I saggi latini recitavano: "errare umanus est, diabolicum perseverare". la rete dei comitati degli Esodati, ha chiesto, in questi anni, una logica spiegazione a tutti gli "attori" di questa tragicommedia all'Italiana, purtroppo senza alcun esito; il rimpallo di "responsabilità" e/o lo scaricabarili o, nel migliore dei casi, il dilazionare "tempi tecnici" improponibili, sono stati gli sport nazionali adottati dalla maggioranza dei politici e burocrati contattati in incontri ufficiali.

Il retroscena avvilente, è che circa 100.000 esodati & salvaguardati,(dei 170.000+49.500), non ancora in pensione, hanno ormai da tempo compreso, salvo smentita "operativa" da parte di governo, ministeri ed Inps, è la seguente: I vari Governi stanziarono complessivamente per le 6 leggi di Salvaguardia circa 11,5 miliardi di €, per 5/6 anni di "copertura" economica, e, non avendo adempiuto completamente nel salvaguardare tutti gli aventi diritto, anzi, avendo risparmiato notevolmente su numerosi "certificati", con procedure  dilazionatorie esasperate, tanto da escluderli, per il naturale raggiungimento di requisiti L.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Fornero, ora l'attuale governo si ritrova un bel "tesoretto" derivante dai circa 3 miliardi di € per sovrastimazione, più gli interessi derivanti dai miliardi non utilizzati in questi anni.

Qui prodest? Vi domanderete...... Sicuramente l'Inps, che ha fatto il gioco delle 3 carte con i due Ministeri interessati! Il Governo? Certamente sì, così potrà destinare questi risparmi ad una "improbabile" 7^ salvaguardia, (per salvare 49.500 esodati), visti i "precedenti", o per destinarli nel varare la prossima Legge di Stabilità 2015.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto