Il clima nel mondo della Scuola si fa sempre più teso con l'avvicinarsi della data del 5 maggio 2015, data importante in quanto per quel giorno è stato proclamato lo sciopero generale di tutto il comparto scuola. La protesta, in pratica, però è già partita a giudicare da quanto è successo ieri alla Festa dell'Unità a Bologna dove il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, è stata costretta ad abbandonare il palco allestito per l'occasione al Parco della Montagnola. Le urla, i fischi e il frastuono dei cucchiai che colpivano delle pentole hanno impedito al numero uno del Miur di parlare alla folla: l'onorevole ha, dapprima, ascoltato un docente precario che, salito sul palco, ha fortemente criticato le linee guida del ddl #labuonascuola, in discussione al Parlamento in questi giorni, ma poi, impossibilitata a farsi ascoltare, ha deciso di andarsene via.

Ministro Stefania Giannini se ne va dalla Festa dell'Unità: 'Questo non è il mondo della scuola' 

La protesta è stata organizzata dai Cobas della scuola e vi hanno partecipato studenti e diversi docenti precari: l'intento era chiaramente quello di far capire al governo i sentimenti di rabbia e di sdegno per la nuova legge di riforma della scuola, un''anteprima', insomma, di quella che sarà la grande protesta che verrà attuata il prossimo 5 maggio su molte piazze d'Italia attraverso cortei e manifestazioni organizzate da tutte le forze sindacali, unanimemente concordi nelle motivazioni dello sciopero. Il ministro Giannini ha lasciato la Festa dell'Unità di Bologna visibilmente arrabbiata e indispettita da quanto accaduto, rilasciando solo alcune brevi dichiarazioni che sottolineano come questo non rappresenti il mondo della scuola con cui il governo ha parlato nei mesi scorsi.

Matteo Renzi: 'Non si deve impedire ad altri di parlare'

Anche il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, attraverso un tweet, ha voluto difendere il ministro Stefania Giannini e condannare l'episodio di protesta accaduto durante la festa nella piazza bolognese, organizzata per celebrare i settant'anni della Liberazione. Renzi ha sottolineato come un insegnante sia tenuto ad ascoltare le idee di tutti e a rispettarle. Viceversa, se un educatore impedisce ad altri di esprimere la propria opinione, sta venendo meno alla sua funzione, facendo esattamente l'opposto. 
Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la pagina Matteo Renzi
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!