L'Italia è un Paese che ha una popolazione che invecchia in maniera progressiva. Da calcoli fatti, si evince che, nel 2035, il 60 percento avrà un'età superiore ai 64 anni. Per questo motivo, la sostenibilità del sistema pensionistico italiano è di vitale importanza per il futuro della previdenza. È questo di cui si è discusso, nei giorni scorsi, al Festival StatisticAll, svoltosi a Treviso. Presente alla manifestazione, il presidente dell'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (Inps), Tito Boeri, il quale ha confermato il suo pensiero relativo alla riforma del sistema pensionistico.

Pubblicità
Pubblicità

Boeri: 'Chi va in pensione non deve prendere un importo uguale a chi lavora al suo posto'

'L'attuale legge previdenziale entrerà pienamente in vigore nel 2032. Si punta ad inserire un sistema flessibile che possa permettere l'uscita anticipata dei lavoratori, i quali non dovranno prendere una pensione uguale a chi rimane a lavorare al loro posto', evidenzia il numero uno Inps. Boeri specifica che non saranno certamente gli immigrati a salvarci, mentre è necessario coinvolgere, il più possibile, le donne nel mondo del lavoro.

Pubblicità

Due i punti principali da considerare per l'economista. Da una parte la crescita economica, attraverso la quale sarà possibile 'finanziare' il sistema pensionistico; dall'altra, applicare, il più possibile, l'equità. 'Esistono delle categorie di lavoratori che, per molto tempo, hanno usufruito di tanti vantaggi rispetto ad altri. Questo non è giusto'.

Galasso: 'Dobbiamo applicare una pensione equa per tutti i lavoratori'

Anche un altro economista della Bocconi, Vincenzo Galasso, evidenzia questo fatto con forza: 'È necessario pensare ai giovani che si stanno affacciando nel mondo del lavoro.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Probabilmente, loro porteranno i segni di questi comportamenti. Pagheranno tutto questo per tutta la loro vita. Dobbiamo fare certamente qualche cosa. Dobbiamo tornare alla pensione equa, magari applicando il sistema contributivo agli assegni previdenziali'.

Nei prossimi giorni vi terremo informati su eventuali altre notizie relative alla riforma del sistema previdenziale.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto